Rhani Khanna e il “Carnevale meno tradizionale della Sardegna” domani a Monserrato

Lunedì 5 marzo 2012, alle ore 18, a Monserrato, nei locali della Biblioteca-mediateca comunale in via Porto Cervo, si terrà una conferenza della regista cinematografica Rani Nathalie Khanna su “Tzaracchias de canna, ovvero il carnevale meno tradizionale della Sardegna” svoltosi a Escolca nel 2002. L’iniziativa è organizzata dall’associazione Culturale Iscandula in collaborazione con il Comune di Monserrato e con il contributo dell’Assessorato alla Cultura della Regione Autonoma della Sardegna.

La regista Rani Khanna, nota per aver realizzato diversi documentari quali “Amazons in Saris”, girato in occasione della rivolta delle donne “intoccabili” in India, “Music by … Gabriel Yared” (pubblicato su DVD), dedicato appunto a Gabriel Yared, vincitore dell’Oscar per la colonna sonora de “Il paziente inglese”, e il più recente “Kolkata Books”, realizzato per Aljazeera UK e incentrato sul più grande e antico mercato di libri in India che rischia di chiudere per via della globalizzazione. Nel 2002 partecipò al carnevale di Escolca che quell’anno era improntato sulla vecchia tradizione della Tzaracchia. Durante la manifestazione, Rani, pur partecipando attivamente alla festa, insieme alla sua collega brasiliana Patria Costa, riprese diverse scene del carnevale.

Il “Carnevale meno tradizionale della Sardegna”, voluto e organizzato dall’Associazione Iscandula proprio a Escolca nel 2002, ripartiva dalla tradizione escolchese, interrottasi intorno al 1939, che prevedeva la partecipazione di un grande suonatore di launeddas per poter ballare tutte le sere durante tutto il periodo del carnevale. Una fortuna per un paesino che non poteva permettersi certi cachet, ma che dalla sua poteva vantare di essere situato nella zona della “canna mascu” e del “cannisoni”, due tipi di canna fondamentali per realizzare le launeddas. Fu grazie a questa posizione geografica che il grande maestro di Villaputzu Giuseppino Lara e dopo di lui il figlio Antonio, pur di poter fare la raccolta delle canne accettavano bassi compensi e  portarono avanti la festa fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Alla manifestazione del 2002 aderirono spontaneamente e a titolo gratuito circa 80 artisti, sardi e stranieri: molti suonatori di launeddas, fisarmonicisti, percussionisti, una direttrice d’orchestra venuta apposta da Parigi, cori di musica medioevale, poeti improvvisatori etc.. Gli escolchesi si lanciarono nell’organizzazione di diversi falò, la preparazione delle strade del centro storico che vennero ricoperte da paglia e naturalmente nell’organizzare un ricco e caldo pranzo per tutti i partecipanti.

Nella conferenza e nelle proiezioni di Rani (in francese, ma con traduzione in italiano) verranno ripercorsi diversi momenti della giornata e si avrà l’occasione, tra un bicchiere di vino e un pezzo di pane e formaggio, di discutere con l’artista.

(Dal sito della “Monserratoteca”, Biblioteca e Mediateca di Monserrato)
About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...