Anziani, non aprite la porta agli estranei…

Stando alle notizie che si possono reperire su internet, i raggiri e le truffe ai danni degli anziani sembrano essere in aumento. Non è però facile trovare dati sull’entità del fenomeno, anche perché in gran parte dei casi gli anziani vittime di raggiri e truffe non sporgono denuncia: si vergognano, sentendosi inadeguati per non essere stati in grado di riconoscere l’inganno. In realtà i truffatori di anziani sono persone molto abili e furbe che sfruttano le debolezze e le paure di persone spesso sole e in difficoltà economiche. Le tecniche usate da questi delinquenti sono state più volte descritte dai media e si basano sulla capacità di carpire la fiducia degli anziani per ottenere informazioni utili a portare a segno il colpo. E non di rado per conoscere le abitudini delle potenziali vittime parlano con i vicini, frugano nella posta e rovistano nella spazzatura. Per proteggere gli anziani da queste esperienze, che spesso provocano conseguenze oltre che sul loro patrimonio anche sul loro equilibrio psichico, in molti comuni d’Italia si stanno attuando campagne di informazione tese a fornire consigli utili  a difendersi.

Neanche Sestu è immune dal fenomeno e per questa ragione l’Assessorato alle politiche sociali ha organizzato un incontro informativo in collaborazione con i Carabinieri e la Polizia Municipale che si terrà nel Centro diurno per anziani di via Fiume, domani 20 dicembre 2011.

S. M.

Vademecum per la sicurezza degli anziani