Stasera in un’assemblea pubblica si parlerà di Bilancio comunale

Come è ormai noto – la notizia è stata riportata anche sui quotidiani regionali – il bilancio comunale 2012 comporterà un aggravio per i contribuenti. Il comune di Sestu, in conseguenza dei minori trasferimenti agli enti locali decisi dai governi nazionali, si è ritrovato a dover coprire un disavanzo di 400 mila euro. Un simile buco poteva essere tappato solo in due modi: aumentando le tasse e/o tagliando ulteriormente le spese. Il gettito previsto dalle imposte fa leva da un lato sull’aumento dell’addizionale Irpef, dall’altro sull’aliquota IMU (che sostituisce la vecchia ICI) per la prima casa. Parallelamente sono stati operati anche tagli alle spese. Per spiegare ai cittadini quanto si riuscirà a recuperare dalle nuove imposte e sulla base di quali criteri queste verranno applicate e quali scelte sono state fatte per ridurre le spese, il sindaco invita tutti i cittadini a partecipare all’assemblea pubblica che si svolgerà stasera nell’aula consiliare a partire dalle 18,30. (S. M.)

Alle Cittadine e ai Cittadini di Sestu

Come ogni anno, l’amministrazione comunale ha in corso di esame il bilancio di previsione che rappresenta l’atto fondamentale che consente la piena operatività del nostro comune.

Purtroppo, a causa delle ripetute manovre finanziarie degli ultimi governi, risulta sempre più difficile assicurare in modo soddisfacente i servizi ai cittadini. Per effetto di queste misure, complessivamente il nostro comune registrerà una notevolissima riduzione di entrate nel 2012 oltre a quelle già registrate nei due anni precedenti. Nel contempo, sono cresciuti notevolmente i costi della spesa corrente necessaria per assicurare la complessa gestione del nostro sistema.

Questi tagli e il patto di stabilità, che tutti ormai conosciamo, bloccherebbero di fatto la possibilità di realizzare le numerose opere pubbliche già appaltate e, in mancanza di adeguati interventi, rallentano e comprimono i servizi prestati all’intera comunità.

Pertanto, per poter pareggiare il nostro bilancio, avviare le opere pubbliche e mantenere inalterate la qualità e la quantità dei numerosi servizi (manutenzioni, ambiente, servizi sociali, scuole, illuminazione e energia, cultura, sevizi amministrativi, etc…), si rende  necessario introdurre l’addizionale IRPEF nella forma più equa possibile, anche se si ha la consapevolezza degli ulteriori oneri che graveranno sui cittadini. La severa e per certi versi ottusa politica del governo centrale degli ultimi anni non ha consentito di evitare ulteriormente il ricorso a tale misura. Tra l’altro, come chiunque può verificare, Sestu risulta tra i pochissimi centri che ancora non applicano questa imposta che nella maggior parte dei casi viene prevista con aliquote medio alte. Ma questo piccolo sacrificio, a cui tutti siamo chiamati, permetterà di contribuire a migliorar ancora la qualità dell’ambiente e dell’assetto complessivo della nostra cittadina.

Ma per poter fornire un’adeguata e esaustiva informazione sulle entrate e le spese complessive del bilancio 2012 e i programmi di intervento previsti dalla amministrazione in tutti i settori, venerdì 16 marzo, alle ore 18.30,  si terrà in aula consiliare una assemblea pubblica aperta alla partecipazione di tutti i cittadini.

Sestu, 12 marzo 2012

Il Sindaco

Dr Aldo Pili

Annunci