Moumenti aperti a Sestu

Si ripete anche quest’anno la manifestazione  “Monumenti Aperti”.
La prima edizione si svolse nel non troppo lontano 1997 e ancora si ricorda l’entusiasmo della popolazione nel rispondere alla sfida lanciata dall’Associazione Ipogeo, da un’idea di Vito Biolchini. Si voleva allora tentare una strada che per la città di Napoli aveva costituito nuova linfa per il recupero urbano, un esempio da sperimentare anche in una Cagliari che poco o nulla rendeva fruibile il suo patrimonio storico meno noto.
Nel corso degli anni l’esempio del capoluogo ha innescato un circuito virtuoso di idee e desiderio di partecipazione, grazie al quale diversi centri dell’Isola hanno deciso di proporre la manifestazione.

Sestu aderisce a Monumenti aperti dall’edizione 2007, mettendo a disposizione della popolazione i suoi gioielli di architettura, tradizione e ambiente e tracciando in modo netto il solco di una politica culturale su cui più recentemente si sono inserite altre iniziative di segno analogo (si vedano, ad esempio, le diverse pedalate ecologiche patrocinate dall’Amministrazione comunale) che contribuiscono con sempre maggior convinzione e partecipazione della cittadinanza a far conoscere e approfondire diversi siti dislocati sul territorio. Nelle giornate di sabato 19 e domenica 20 maggio, istituzioni, associazioni e volontari condivideranno con la cittadinanza storia e aneddoti utili ad accrescere la consapevolaezza della nostra identità, a prescindere dalle competenze e conoscenze di partenza dei partecipanti.

Ogni politica di sviluppo ha bisogno di cittadini consapevoli e Monumenti Aperti lavora in questo senso.” (cit. V. Biolchini)

Buona cultura a tutti!

Anna Pistuddi

La locandina:
MONUMENTI APERTI_SESTU 2012

Introduzione all’edizione 2012

Dal web:
https://vitobiolchini.wordpress.com/2011/05/06/