“Nel tempo di mezzo” di Marcello Fois (Einaudi 2012)

Il romanzo di Marcello Fois, Nel tempo di mezzo, parla della grande trasformazione che la Sardegnaha subito dal 1943 al 1978. Dall’anno della fame e della malaria all’anno dal cancro. Il romanzo, come tanti altri di Fois, ha come location Nuoro, ma termina a Cagliari all’Ospedale Oncologico, dove c’è una cameretta, linda e pulita con la TV a colori “che io non l’avevo mai vista”. Aggiungi 5, 10 anni e arrivi a quel mezzo secolo della seconda metà del Novecento che, secondo storici e antropologi, ha fatto fare alla Sardegna, alla storia della Sardegna, un salto come non si era mai visto nei millenni precedenti.

Ma andiamo con ordine. Vincenzo Chironi, il protagonista, figlio di nessuno e della prima guerra mondiale, arriva in Sardegna nel 1943 con il traghetto che sbarca a Olbia o Terranova che sia. Guidato da un cieco che cammina aggrappato alla coda di una capra e da un prete, prete Virdis, che spara alle lepri e per  poco non lo impallina, Vincenzo inizia il suo itinerario per diventare sardo, sardo-friulano. Il viaggio continua poi con una donna, Giovanna Podda, che guida un camion, un modello del 1924, un Fiat 505 con una potenza di trenta cavalli, e vive sola in una casa vuota in mezzo alla campagna: una vigna incolta, venti arnie e un autocarro sono tutto ciò che possiede. Suo marito era partito nell’estate  del ’41 con destinazione ignota, da qualche parte in Russia. Con lei Vincenzo percorrerà i sentieri e le strade polverose fino a  San Francesco di Lula. A Nuoro invece ci arriverà con Guiso Giovannimaria, che per presentarsi gli allunga una mano e gli dice: “Puoi chiamarmi Mimmìu”. I due diventeranno amici e  sodali.

Erano tempi terribili. I luoghi erano solo nomi di luoghi, l’umanità era carne da macello. A Nuoro, Mimmiu lo porta a casa di suo nonno, Michele Angelo Chironi, sopravissuto alle tragedie della sua famiglia insieme alla figlia Marianna che con il padre condivide la condizione di pluri-tragediata: oltre ai fratelli ha perso marito e figlia. Nel cortile della loro casa spiccano quattro enormi vasi sui quali crescono quattro alberi di limoni a chiudere il cancello, l’enorme cancello della fucina. Quella di Stirpe, il precedente romanzo di Fois.

Torniamo a Nel tempo di mezzo. Nel libro ci sono le  piaghe bibliche che da sempre affliggono la Sardegna. O almeno all’inizio ci sono le prima due: cavallette e zanzare, che è come dire cavallette e DDT. “Le zanzare a milioni di milioni hanno infettato  le zone costiere attraverso febbri malariche che dilagano ormai da anni raggiungendo livelli di cronicità; ma non basta: spinte dal vento africano caldissimo sono arrivate, a cumulonembi talmente compatti da oscurare il sole, le cavallette”. E sempre a proposito delle cavallette Fois ci avverte che “Ormai anche il profano riesce a distinguere tra il grillastro crociato che divora i cereale e il dociostaurus maroccanus che non disdegna i frutteti e le vigne… bestia levantina che non ha avuto bisogno di arrivare in volo perché i bastimenti di ritorno dall’immensa campagna d’Africa l’hanno trasportata gravida in giro per il Mediterraneo”.

Ma c’è anche la storia buona, o almeno meno tragica dell’altra. “Al Bar nuovo si parlava solo del referendum imminente.  In fondo anche i Savoia avevano dovuto ammettere qualche errore di troppo e questo Re, giovane e prestante, al contrario del padre nano e pusillanime, aveva persino accettato di sottostare al volere popolare.  Come vissero il referendum i Chironi? I Chironi si misero a nuovo. Pinti e linti. Esercitare quel diritto corrispondeva a partecipare al ricevimento della nazione che rinasceva. Perciò azzimati, pulitissimi, alle sei e mezzo del mattino  i Chironi si recarono a votare.  Non per niente  mentre si recano al seggio  “Era come ritrovarsi in un tempo sospeso a metà, nel tempo di mezzo, non moderni, non antichi, ma sensibili, esposti al contagio”.

L’amore arriva all’alba della repubblica. Buon auspicio e ottimo viatico per la felicità o per l’espiazione, come Dante nella Divina Commedia che inizia il suo viaggio con il favore delle stelle, nel primo giorno di primavera. E osservate che amore. Lei è Cecilia Devoto, a Nuoro con la sua famiglia di sfollati dalle bombe di Cagliari, “un’iride che rivela quanto sia impossibile per noi, semplicemente umani, concepire la meraviglia della natura”.

Soffermarsi su questi aspetti del libro non è un vezzo fine a se stesso, significa entrare in sintonia con quanto è successo in Sardegna in quel mezzo secolo di cui si parlava all’inizio, e permette di apprezzare con quanta perizia Marcello Fois ci conduce all’interno di quelle vicissitudini. Non con commenti ai fatti, ma attraverso i fatti nudi e crudi, descritti così come si sono susseguiti e svolti, ci rendiamo conto delle mutazioni nella mentalità delle persone che agiscono nel tempo. Anche in quel Tempo di mezzo.

Pier Giorgio Serra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...