MentalitArt: aspettando il Centro Sociale due giorni di arte, assemblee e musica

Mentalitart 1I giorni Sabato 12 e Domenica 13 Dicembre nei locali della Pro Loco si è svolto MentalitArt. Due giorni di programmazioni intense, pensate e organizzate dal collettivo dei ragazzi che si riunisce intorno alla Consulta dei Giovani. Siamo nati appena qualche mese fa ma ci stiamo sempre più radicando nel territorio e, grazie alle tematiche proposte, stiamo anche incontrando l’incoraggiante sostegno da parte della popolazione. Mentre tardano ad arrivare le risposte da parte dell’amministrazione comunale in merito alle richieste sul Centro sociale.

Le due giornate di Mentalitart sono state un’ottima occasione di incontro per i giovani ed è palese ormai che le basi per un nuovo cantiere giovanile, sociale e politico, sono state gettate. Il programma è stato ricco di avvenimenti, alle 17:00 è stata inaugurata la mostra artistica collettiva, con i lavori e le opere di moltissimi artisti (circa venti) di Sestu e non, curata principalmente da Nicola “Fuci” Musiu, Stefano Pintus, Davide Mura, Alessandra Cherchi e arricchita da tante altre collaborazioni, come quella dei fotografi provenienti da Cagliari.

La mostra era accessibile a tutte le ore, tranne che durante l’assemblea, iniziata alle 18:30, per favorire la concentrazione del pubblico sulla riunione. All’assemblea di Sabato hanno partecipato tutti i ragazzi che aderiscono alla Consulta e i tanti simpatizzanti che  durante l’estate hanno assistito alle assemblee e ai vari incontri facendo sì che un folto gruppo di giovani si consolidasse in quella che oggi può essere considerata una vera e propria realtà locale. C’è stata anche la partecipazione e il sostegno, importantissimo, di Dionisio Pinna, un nostro concittadino impegnato nel sociale molto ben voluto dai giovani di Sestu e sicuro riferimento. Anche l’amministrazione era presente: sono intervenuti l’assessore alle politiche giovanili Andrea Pitzanti e il Sindaco Aldo Pili.

Mentalitart 4

Durante l’assemblea è stato criticato il “buco sociale” rappresentato in primis dall’assenza o meglio dall’indisponibilità del Centro Sociale, la cui apertura, come è ormai noto, è fortemente sollecitata dalla Consulta dei Giovani che per questo, da mesi, è impegnata in una quotidiana azione di stimolo e pressione nei confronti degli uffici e degli assessori competenti. In particolare sono state evidenziate le promesse disattese fatte dell’amministrazione che 4 mesi fa parlava di un “imminente apertura del Centro Sociale”. Ma a queste parole non sono seguiti fatti concreti: ad oggi il centro sociale è ancora chiuso. Abbiamo preso atto che “l’impegno dell’amministrazione è ancora vivo” e ci affidiamo speranzosi a queste parole, sempre più consci che i problemi burocratici e le difficoltà opposte dagli uffici del comune superano di gran lunga la volontà politica di venire incontro alle nostre esigenze, rallentando in maniera esagerata, e per noi incomprensibile, l’apertura della struttura.

Mentalitart 2

L’intervento di Dionisio ha avuto il merito di valorizzare l’assemblea focalizzando l’attenzione sulla necessità, appunto, di un Centro Sociale a Sestu e sottolineando nel contempo l’opportunità che la sua attività sia guidata dall’amministrazione attraverso figure di operatori specializzati nell’integrazione sociale, capaci di prestare la dovuta attenzione a quelle persone che necessitano di aiuti e interventi specifici, cosa che ovviamente un collettivo giovanile non può fare con la dovuta competenza e preparazione. L’incontro è stato anche un’occasione per ribadire la composizione e la natura autonoma del nostro collettivo. Come scritto nello statuto, ci consideriamo un collettivo apartitico e tanto meno vogliamo affiliarci o appoggiarci ai circoli parrocchiali locali.

Mentalitart 3

Dopo l’assemblea la manifestazione di sabato è andata avanti con i concerti. Stesso programma per la Domenica, dove all’assemblea, iniziata sempre alle 18:30 circa, hanno partecipato insieme ai giovani Dionisio Pinna, Elizabeth Rijo, presidente dell’associazione Rosa Roja, che ha presentato anch’essa la domanda al Comune per usufruire del Centro di Aggregazione Giovanile, e altri esponenti di Associazioni Culturali. “L’obiettivo è quello comune di creare una rete sociale e solidale radicata nel territorio” è stato sottolineato, e proprio in questa direzione pare che ci si stia muovendo. Dall’assemblea si è passati al concerto, che ha chiuso l’evento. E’ stata, dunque, un’ottima occasione per far capire che i giovani ci sono, si stanno organizzando e continueranno sempre più ad alta voce a chiedere l’apertura del Centro Sociale, diventata una necessità e un’urgenza, visto il generale immobilismo sociale del nostro paese.

Consulta Giovanile di Sestu

  1. Un articolo (pro)positivo e veramente utile per lo scopo principale della Consulta: informare e coinvolgere la popolazione sulla necessità di uno spazio di aggregazione sociale!

  2. Voglio dedicare questo impegno a Zarmu, un operatore sociale scomparso un anno fa, che tanto lavorò e fece per i giovani e la comunità nell’ambito del vecchio Centro Sociale di Sestu. Non l’ho mai conosciuto personalmente ma una figura come la sua ci manca tantissimo, vista la condizione attuale. Ora stiamo cercando di aprirne uno nuovo, di centro sociale, vorrei continuare il suo percorso.

  3. Dispiace davvero che ancora l’amministrazione non riesca a trovare una soluzione formale accettabile che consenta di aprire il centro sociale per dare a questi ragazzi un luogo adatto e attrezzato dove potersi esprimere, discutere, creare. I giovani sono oggi la categoria sociale che più di altre subisce la crisi economica, di cui non hanno alcuna responsabilità: meritano rispetto e fiducia da parte degli adulti e delle istituzioni. E questi ragazzi in particolare. Hanno dimostrato di sapersi organizzare, sono stati capaci di darsi delle regole, sanno confrontarsi e rapportarsi con le istituzioni. Deluderli sarebbe un errore imperdonabile!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...