Alla ricerca dell’abbigliamento perduto

cartolina-abito-tradizionaleMostra abbigliamento tradizionale 2

“Tutto è nato per questa faccenda delle fogge d’abito, dei bei costumi antichi. L’idea di una riesumazione era venuta a Mario molto naturale, quando tre giorni prima stava spiegando alla fidanzata la difficoltà, l’impossibilità, di rintracciarne almeno uno, dei bei costumi antichi frauensi, da indossare ed esporre nella mostra e la sfilata. Non ce n’erano più, neanche a cercarli nelle fosse… Però almeno uno lo dovevano trovare, anche senza coralli e senza ori, autentico, non riconfezionato tutto nuovo, come qualcuno proponeva, disonesto.”

(Il mare intorno, Giulio Angioni 2003)

Sebbene non risulti che anche a Sestu si sia arrivati, come nella Fraus del racconto di Giulio Angioni, ad aprire le tombe degli avi per recuperarne gli abiti originali, è indubbio che anche qui da noi da diversi anni sono in corso appassionate ricerche per ricostruire l’autentico abbigliamento tradizionale. L’interesse per i costumi e le tradizioni locali trova conferma nel gran numero di mostre, conferenze e dibattiti che viene proposto su questi argomenti. A questo genere di iniziative è riconducibile anche il prossimo seminario che si terrà giovedì 26 settembre a margine della mostra sull’abbigliamento tradizionale curata dalla Pro LocoArrejonada sarà appunto un incontro dedicato al “portamento da tenere nell’indossare gli abiti tradizionali” e alle “modalità di ricostruzione degli stessi” (vedi Evento nel sito del comune di Sestu).

E’ interessante inoltre osservare che il movimento per la ricostruzione filologica degli abiti tradizionali non si limita a una discussione erudita tra appassionati dell’argomento, ma si sta traducendo in un’aperta contestazione ai gruppi folkloristici, rei di indossare abiti che per materiali, lavorazione e qualità delle decorazioni si discosterebbero in misura significativa da quelli del passato. I più seri studiosi di tradizioni popolari tuttavia riconoscono ai gruppi folk il grande merito di aver contribuito a salvare – in anni in cui (gli anni ’60) il disinteresse per l’abbigliamento tradizionale era l’atteggiamento prevalente – gran parte delle conoscenze tecniche, della terminologia e del ricamo tradizionali¹.

E’ apprezzabile che si faccia conoscere ciò che di vero appartiene al passato e di questo non si nasconda la complessità. Ma proprio per questo, in generale, occorre guardare con occhio critico anche a quelle operazioni di costruzione della tradizione che si realizzano attraverso la selezione di ciò che del passato più piace. Gli studi sociologici hanno messo in evidenza che esse tendono a rappresentare un passato mai esistito, inventato in funzione del presente, per lo più ad uso di specifici progetti politico-culturali.

Allo stesso tempo a me sembra che sia anche arrivato il momento di interrogarsi e riflettere seriamente su quale senso dare al rapporto con la tradizione, considerando che noi stessi siamo l’esito di quel passato che oggi si tende a contemplare. La semplice ricerca di un passato perduto e il recupero nostalgico di memorie non sono di per sé destinati a produrre effetti culturali positivi. Resto infatti convinta che il passato debba essere letto criticamente nel suo divenire storico e che il ruolo fondamentale della Cultura sia quello di interpretare e cambiare la realtà. E di cambiarla, questa realtà, se ne sente davvero un gran bisogno.

Sandra Mereu

___________________________

¹ Paolo Piquereddu, Note di storia dell’abbigliamento in Sardegna in Costumi. Storia, linguaggio e prospettive del vestire in Sardegna, 2003.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...