Gara poetica svoltasi a Sestu il 23.4.1930 – Analisi del testo (1° giro) di Vittoriano Pili

Nel 1930, in occasione della festività di San Giorgio, si svolse a Sestu una cantada, cioè una gara poetica tra poeti improvvisatori in lingua sarda, che è rimasta a lungo nella memoria dei sestesi. Vittoriano Pili, profondo conoscitore di questo genere poetico, oltreché esperto di lingua sarda, in un racconto che ha voluto regalare a Sestu Reloaded ha tracciato un affresco della Sestu dei primi decenni del Novecento sullo sfondo del quale si tenne quella celebre gara poetica. Erano anni in cui i sestesi, portandosi dietro “scannus e cadiras o banghitus”, seguivano con grande interesse le dispute poetiche. In quegli stessi anni inoltre queste estemporanee, la cui trasmissione fino ad allora era stata affidata all’oralità, cominciarono ad essere pubblicate sotto forma di agili libretti per la commercializzazione. Nella Biblioteca regionale di Cagliari si conserva un esemplare dell’edizione originale contenente la trascrizione della celebre cantada svoltasi a Sestu nella primavera del 1930. Vittoriano Pili lo ha puntualmente studiato (vedi anche “Il libretto ritrovato“). Di seguito vi proponiamo l’analisi del testo relativa al primo giro della gara poetica.

gara_poetica_2

1 – LODDO (sterrina) Note linguistiche
Sa tàcula a lazzu e lobu 1 – meglio latzu
Si pigat in su parenti 2 – meglio padenti, che significa “foresta”, “bosco”
Merlu andas pei pei 3 – meglio Meurra
Ma si in su lazzu attumbas 4 – meglio latzu
Merlu o trudu beneis cassaus 5 – meglio Meurra
Poita pigat s’unu e s’àtturu 6
E is tàculas a sa firma 7 – per la rima leggi frima
Sezius nanta spinnieus 8 – meglio Sétzius
Rima – meglio Torrada
      8             6           4                     2
Mandeus quàturu columbas in su continenti
         7                    5             3         1
Ma prima ‘nci mandaus che Noei su crobu
2 – FARCI (sterrina) Note linguistiche
Messàiu candu aras 1  
De speranza ses nutriu 2 – per la rima, meglio spera (o abetu) e nurdiau
Po arregolli’ is frutus tuus 3
Su serbidori e su meri 4
Ma in annadas disastrosas 5 – meglio destrossas
Su segundu e su primu 6
Est costrintu a sunfriri 7 – meglio custrintu
Senza de ‘ndi tenni’ pro’ 8 – per la rima, meglio sena e proi
Si sa campagna tenit rovinas 9 – per la rima, meglio sartu e scalabru o sciacu
Rima – meglio Torrada
  8       6              4     2
No esprimu su pareri miu – per la rima, meglio espongu/amostu/dongu eparri
  9          7      5      3     1
Finas a biri cosas prus craras                       
3 – LONI (sterrina) Note linguistiche
Su dolori de sa morti est tropu 1  
E si prangit cun discunsolu 2
Indossendi niedda vesti 3 – meglio ponendi (a suba) e besti
E solamenti a biri is tumbas 4 – meglio scéti o feti
Est unu straziu fatali 5 – meglio sorti penosa o similmente
Chi çertu fait lagrimai 6 – meglio de seguru o de siguru
Senza quasi si citiri 7 – meglio sena e casi
E po personi tenta in istima 8
Deu puru làgrimas sciollu 9  
Rima – meglio Torrada
   8           6         4                 2
Prima de mandai columbas a bolu  
   9     7     5    3         1
Bollu sciri cali esti su scopu
4 – TACCORI (sterrina) Note linguistiche
Si boleis paesanas 1 – forse intende un tipo di quartine semplici, così chiamate
No si dongu unu contrariu 2
E tui caru pópulu ‘nd’ afferras 3
Su cantu nostru brillanti 4 – per la rima, meglio luxenti
E a chini è ananti e a palas 5 – meglio est, come tra l’altro qui deve essere anchepronunciato
E totus ddus saludu deu 6  
E imoi mi bollu cumpraxi’ 7  
Cun su paisu natiu ca ‘nci so 8 – meglio bidda nadia o logu nadiu, paisu si addice aPaese sinonimo di Stato
Rima – meglio Torrada
  8          6     4          2       
No ddu creu tanti necessariu – per la rima, meglio preçisu/ministeri/de apretu
     7          5        3           1    
Spraxi’ is alas in terras lontanas – per la rima, meglio a tesu/a illargu

Fine del 1° giro di mutetus della cantada.

gara_poetica_3Commento – Con una bella immagine di caccia ha aperto le schermaglie Pascali Loddo, che nella Rima invita al volo i versi dei 4 poeti (columbas) per scoprire il tema nonostante il contrasto (su crobu). Si noti la metafora biblica sottintendendo un argomento religioso. Il 2° poeta è Franciscu Farci di Cagliari, che sottolinea i problemi del mondo contadino. In quanto al tema sta sulle sue. Il 3° è Efis Loni, anche lui mannu (anche di età, non di statura). La sterrina è funebre, forse motivata, nella Rima fa il volpone. L’ultimo, il 4°, è Luisu Taccori, il più giovane dei quattro (ma canta già dal 1920). È di Sestu, cui dedica la sua sterrina. Nella Torrada si dichiara restio a voli arditi se non necessari per riconoscere l’oggetto della disputa poetica.

Vittoriano Pili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...