Prove tecniche di populismo

20052014285Chi era presente al consiglio comunale di martedì 20 maggio, ha potuto assistere a un patetico quanto avvilente spettacolo. Per le istituzioni democratiche, per i cittadini presenti e per gli stessi amministratori che l’hanno interpretato. Al centro della bagarre che si è scatenata nell’aula c’era una mozione sulla sicurezza pubblica. Al riguardo il presidente del consiglio ha denunciato e deprecato un presunto tentativo di impedimento della sua presentazione in consiglio. Un tentativo che, da quanto si è capito, sarebbe passato attraverso una telefonata. Ciò è bastato per scatenare la reazione di un consigliere chiamato in causa o che forse si è sentito chiamato in causa. Quest’ultimo, sentendosi ingiustamente accusato, ha chiesto e ottenuto la parola. Avendo però più volte deviato dal nocciolo della questione, non è riuscito a completare il suo ragionamento perché, ad un certo punto la seduta è stata interrotta. Un gruppo di cittadini seduti nelle file più alte della platea stava infatti registrando con uno smartphone lo svolgimento del consiglio. Tanto è bastato al presidente per sospendere, per ben due volte, la seduta e chiedere l’intervento dei vigili. Alla ripresa, il consigliere che non aveva potuto concludere il suo intervento non ha però riavuto la parola. A quel punto si è alzato dal banco e ha dichiarato l’intenzione di voler occupare l’aula per impedire, a sua volta, la prosecuzione della seduta. Invitato dai vigili che presidiavano l’aula a tornare al suo posto, ha quindi dato del cialtrone al presidente. A fare da cornice a questo delirio di accuse e insulti la stampa locale al completo, come si vede solo per le grandi occasioni.

20052014279Difficile per chi non conosceva i retroscena farsi, oltre il sentimento di disgusto, un’idea obiettiva su cosa stava succedendo. Quanto è accaduto mi ha fatto però riflettere sulla reale utilità, come strumento di democrazia partecipativa, dello streaming delle sedute del consiglio comunale. Trattandosi di sedute pubbliche i cui verbali diventano a loro volta atti pubblici e consultabili poco tempo dopo sul sito del Comune, non avere lo streaming non pregiudica in alcun modo il diritto dei cittadini alla trasparenza dell’operato degli amministratori. Apprendere direttamente dal vivo della discussione i temi che vengono trattati e le decisioni che vengono adottate dai nostri rappresentanti può solo rappresentare un valore aggiunto, un opportunità in più di partecipazione attiva alla vita democratica della comunità. Non è però la condizione necessaria per avere informazioni attendibili e farsi un’idea precisa sulle scelte politiche dell’amministrazione e sul comportamento dei nostri rappresentanti. Peraltro le sedute del consiglio comunale si svolgono per lo più di sera, quando la maggior parte dei cittadini non è impegnata in attività lavorative. Partecipare alle sedute del consiglio comunale oltreché un diritto è anche un dovere. Invece, fatte salve alcune eccezioni, si contano in media non più di 20 persone a seduta. Il fatto che l’amministrazione non abbia ancora completato l’iter necessario per disciplinare la trasmissione online delle sedute del consiglio non è dunque un motivo né serio né credibile per lanciare accuse di scarsa trasparenza, come spesso si sente, al suo operato.

Sarà interessante verificare, quando le riprese delle sedute saranno disponibili on line, quanti visitatori in più si guadagneranno rispetto al numero degli abituali frequentatori dei consigli comunali. Il sospetto è che la mancanza dello streaming sia ora solo un comodo alibi per la pigrizia e la tendenza dominante dei cittadini a delegare ad altri. Ma a sua volta questo dubbio non deve diventare un alibi per le amministrazioni, un motivo cioè per negare ai cittadini un’opportunità in più di partecipazione alla vita democratica del Comune. Il vero rischio, a mio avviso è che il mezzo possa tradire il fine. A dispetto di quanto si spera di ottenere, cioè la rappresentazione realistica dell’attività del consiglio comunale, il miraggio di poter avere una audience più vasta potrebbe spingere gli amministratori a mettersi in scena. E pertanto la finzione e i colpi di teatro, l’esasperazione dei toni, il populismo possano prevalere sul ragionamento e la discussione politica seria e pacata nel merito dei problemi. Che insomma si ripeta ad libitum quello che è successo nell’ultimo consiglio comunale.

Sandra Mereu

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...