Improvvide dichiarazioni e drammatici silenzi

Tra i tanti commenti letti su fb, seguiti alle dichiarazioni improvvide (è solo l’aggettivo meno compromettente che ho trovato!) del prefetto di Perugia, mi ha colpito in modo particolare quello di Ines Loddo. Capace, come pochi altri, di mettere a fuoco il dramma (e l’ipocrisia) che si nasconde dietro la girandola di reazioni indignate dell’ultim’ora. (S.M.)

DSCN7907

Alcuni mesi fa lo scandalo a luci rosse del quartiere Parioli coinvolse due minorenni (direi due bambine) e diversi maggiorenni, uomini che avrebbero potuto essere loro nonni ancor prima che padri. Coinvolse anche una figura femminile adulta, la madre di una delle due bambine. Fu su quest’ultima che, dall’alto del palco (di Milano?) il candidato segretario del PD puntò lo sguardo e a lei rivolse la sua severa critica. Come tollerare che una madre offra in cambio di denaro il corpo della propria bambina? Quanto immondo questo peccato? Nessun cenno a quegli altri, quelli con la bava alla bocca della propria impotenza, quelli che cento euro li guadagnano in un quarto d’ora pronti da reinvestire in carezze proibite, magari per un’ora intera. E’ il mercato, baby.

Alcuni giorni dopo seguii in tv un’intervista alla zia della bambina. Raccontò, dall’angolo buio di uno studio, di sua sorella. Di quella madre incriminata. Disse della sua malattia. Dei suoi incubi. Di una cura che non finisce mai. Disse degli abusi sessuali che sua sorella, la mamma incriminata, aveva subìto da bambina. In famiglia.

Alcuni mesi dopo, lo scandalo avrebbe mostrato il volto di professionisti, frequentatori di salotti buoni. Buonissimi. E di minorenni. Coinvolti. Nessun commento su questi consumatori. Nessuna “analisi”. Nessuna istituzionale, almeno.

Ieri il prefetto di Perugia avrebbe invitato le madri di figli drogati a suicidarsi. Forse il prefetto non lo sa, ma è proprio quello il primo pensiero di una madre che scopre che il suo ragazzo si droga. Le reazioni sono immediate. Si rimuova il prefetto. A rimuoverlo sarà il ministro che ieri l’altro ha esultato per l’arresto dell’assassino di una bambina. Lo stesso che ignorava il caso Shalabayeva. A richiederlo con veemenza il premier indignato per la gravità della dichiarazione del prefetto. Quello che mesi fa condannava la madre dello scandalo Parioli. So che per molti sarà difficile trovare i collegamenti.

Essere donna, madre, aver vissuto il dramma di un ex ragazzo incappato nell’eroina, durato anni anni e anni, non mi consente indifferenza di fronte a una dichiarazione come quella del prefetto di Perugia. Quello che vorrei dire, con tutta l’umiltà di cui vorrei essere capace, ma anche con tutta la rabbia che ho dentro, è che sta diventando tragico. Qualcuno riprenda a parlare di cosa sta accadendo. Una volta sapeva farlo bene Luigi Ciotti, una volta lo faceva anche la politica. Non so se sono davvero le mamme l’anello fragile della catena della cura e della protezione della nostra infanzia. Non so se sono davvero le mamme le responsabili delle tragedie che incombono sul futuro dei nostri figliuoli.

Ma dove si trovano gli uomini, i padri, gli adulti maschi mentre noi “sbagliamo”? Prefetti, ministri, vip compresi? Nel caso dei Parioli una mamma sbaglia mentre un padre (di altre più protette adolescenti) consuma a pagamento il sesso con una bambina. Tacere sulla grande menzogna di questo dramma ci aiuta?

Ines Loddo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...