Separare e ridurre, le regole d’oro per un ambiente sano e pulito

La politica ambientale portata avanti dall’assessora Stefania Manunza nel comune di Sestu sta producendo innegabili e apprezzabili risultati. Tutti quelli che un anno e mezzo fa avevano salutato favorevolmente la nomina di Stefania a questo ruolo non si sono certo sorpresi dei risultati raggiunti. Sapevamo bene, conoscendo la sua forte sensibilità e competenza in materia ambientale, che avrebbe perseguito l’obiettivo di migliorare la raccolta differenziata con serietà, rigore e determinazione. I dati che sono stati divulgati recentemente ne sono solo una conferma. Così come lo sono, a mio avviso, le campagne denigratorie portate avanti dai partiti dell’opposizione.

TARI_Compararazione

TARI a Sestu e nei comuni limitrofi – Comparazione tra alcune tipologie di contribuenti. Fonte: volantino del Circolo Margherita Hack – Sestu, novembre 2014.

I Riformatori, ad esempio, non esitano ad assecondare e cavalcare comportamenti scorretti e cattive abitudini dei cittadini che andrebbero invece scoraggiati in nome del vivere civile e del bene della collettività. Inoltre, pur di demolire il lavoro fatto in questo campo dal loro avversario politico, nella speranza di trarne un vantaggio elettorale, con grande cinismo diffondono inesattezze e falsità. Tra le tante, è certamente una leggenda metropolitana quella secondo la quale il Comune avrebbe aumentato la tassa sui rifiuti (TARI): il raffronto con alcuni comuni a noi vicini dice infatti esattamente il contrario.

I dati oggettivi e facilmente verificabili ci danno dunque una rappresentazione della realtà molto diversa da quella che racconta certa propaganda politica. Ci dicono, a conferma del buon risultato raggiunto, che quest’anno la raccolta differenziata è salita di 7 punti percentuali, arrivando al 67,74% (dati aggiornati a ottobre 2014). Aver centrato questo traguardo in un tempo relativamente breve è indicativo del fatto che, continuando sulla strada intrapresa, senza troppi sforzi ma solo con un po’ di attenzione e impegno da parte di tutti, possiamo raggiungere il 70%. In questo modo, così come previsto dalla legge, per il Comune da un lato si ridurrebbero i costi generali dello smaltimento e dall’altro aumenterebbero i contributi previsti per alcune tipologie di rifiuti separati. Il passo successivo sarebbe la riduzione delle tasse che i cittadini pagano per usufruire del servizio di raccolta rifiuti.

Al raggiungimento di questo obiettivo – si legge nel sito del comune di Sestu – ha concorso in maniera consistente la riduzione della quantità dei rifiuti non separati provenienti dal quartiere di Cortexandra. Grazie all’accordo raggiunto dal Comune con gli abitanti del quartiere (per tramite dei loro amministratori di condominio), recentemente sono stati eliminati i cassonetti stradali ed è stata avviata la raccolta con i bidoni (condominiali o familiari). Il risultato è stato l’immediata e drastica riduzione dei rifiuti indifferenziati. Evidentemente questi erano prodotti in larga misura dai “passanti occasionali” non residenti i quali, a spese dei cittadini del quartiere, trovavano più comodo abbandonare i loro rifiuti intorno a quei cassonetti. Un risultato su cui i nostalgici del cassonetto e i fautori del lassismo come regola del vivere civile, farebbero bene a riflettere seriamente.

ADEME LOGOS DEGRADESeparare i rifiuti è una condizione necessaria per migliorare la salubrità dell’ambiente in cui viviamo, ma non è sufficiente. Per questa ragione il comune di Sestu ha riconfermato la sua adesione alla “Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti”, incentrata quest’anno sulla riduzione dello spreco alimentare. Tra le iniziative proposte c’èAvanzi mai in avanzo!, un corso di cucina basato su ricette i cui ingredienti sono gli avanzi dei pasti precedenti. Le lezioni dei cuochi saranno accompagnate da consigli utili e informazioni sullo spreco alimentare e su come prevenirlo durante la spesa, la conservazione e la preparazione dei cibi.

Il corso si terrà nel Teatro Faccin (Via Roma, 16) il 28 novembre prossimo a partire dalle 16:30. Per i dettagli su come iscriversi e partecipare al corso rimando al sito dell’assessora Stefania Manunza: https://stefaniamanunza.wordpress.com/.

Sandra Mereu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...