Raimondo Carta Raspi: storico, editore e organizzatore culturale negli anni venti del secolo scorso

VENERDI’ 6 febbraio 2015 – Proseguendo nel programma teso a collocare nella giusta luce i personaggi e gli episodi della nostra storia che meriterebbero maggior considerazione da parte dei contemporanei, il CID – Centro di Iniziativa Democratica, organizza un incontro dedicato alla figura di Raimondo Carta Raspi. L’incontro si terrà venerdì 6 febbraio a Cagliari, con inizio alle ore 18, presso i locali di Via Isonzo n.18.

Aprirà la discussione lo storico Luciano Marroccu. Interverranno: Gesuino Muledda dirigente politico; Salvatore Cubeddu storico del Sardismo; Marco Sini ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) di Cagliari.

img458img452884250685162
RAIMONDO CARTA RASPI – Nella Sardegna dei primi decenni del novecento, mentre i fascisti operavano con la violenza e la corruzione per spegnere ogni forma di libertà, un giovane di appena trent’anni sceglie l’impresa culturale come strumento di lotta e di riscatto a favore della sua terra e della sua gente. Stampa e diffonde le opere che gli storici e i viaggiatori dell’ottocento avevano dedicato alla nostra Isola, pubblica libri di poesia e opere teatrali, raccoglie attorno a se altre energie e con loro dà vita ad una rivista che per otto anni riesce a sopravvivere nel regime che si è instaurato.E’ difficile trovare nella storia della Sardegna un altro esempio di imprenditore e di intellettuale che si sia adoperato a difendere, con la stessa efficacia, competenza e coraggio le idee di progresso sociale nelle quali credeva.