Le promesse mancate del primo bilancio: tagli all’ambiente, alla cultura e molto altro.

Sestu_Anna Crisponi_C.C.Ieri sera (10 settembre) è stato approvato il bilancio di previsione del comune di Sestu con il voto contrario di una parte dell’opposizione (io, i consiglieri Usai e Serra e le due consigliere del M5S) e l’astensione di PD e lista civica “Ricostruiamo liberamente”.

E’ sostanzialmente un bilancio tecnico scritto dagli uffici, in cui non è visibile nessun indirizzo politico chiaro e che contraddice le promesse elettorali. L’assessore al Bilancio Andrea Pisu ha introdotto la discussione offrendo alcuni spunti di analisi condivisibili ma poi smentiti dalle scelte (e non scelte) fatte.

Il bilancio è privo di un allegato fondamentale, il programma annuale e triennale delle opere pubbliche che è obbligatorio per legge; si presentano quindi profili di illegittimità e la mancata approvazione è un chiaro segnale di incapacità di pianificazione persino nel breve periodo.

Per tutta la campagna elettorale siamo stati sommersi di cartoline che ritraevano Sestu come un luogo sporco e triste, privo di servizi, senza stimoli culturali, senza infrastrutture essenziali, un paese inospitale. Poi approvano il bilancio e tolgono fondi alla pulizia dell’ambiente e delle discariche, alla cura del verde, alla manutenzione delle strade di campagna che è fondamentale per la nostra agricoltura, alla cultura, alle attività produttive e molto altro.

Per la manutenzione delle strade di campagna i consiglieri Usai, Serra e io abbiamo presentato un emendamento (votato da tutta l’opposizione ma bocciato dalla maggioranza) per ripristinare in parte le risorse. Formidabile la motivazione del voto contrario espressa dal capogruppo dei riformatori: “le strade sono in dissesto per colpa degli agricoltori che vanno in campagna anche quando piove e portano il fango persino nelle strade asfaltate!”.

E’ stata disattesa un’altra promessa, cavallo di battaglia elettorale, ovvero l’attivazione di un servizio di videosorveglianza per la sicurezza dei cittadini (la sindaca lo propose addirittura come sistema anti stalking!) e il controllo del territorio. Anche su questo punto l’emendamento presentato dai consiglieri Usai, Serra e da me è stato bocciato perché non ci sarebbero i tempi tecnici per attivarlo entro l’anno. Scuse! I tempi ci sono tutti, sono i soldi che mancano! (ma loro in campagna elettorale dicevano di saper e poter fare tutto!).

Stessa cosa per lo streeming del consiglio comunale: sarebbero bastati poche migliaia di euro per attivare il servizio con la copertura finanziaria approvata dagli uffici, eppure i paladini della trasparenza hanno respinto anche questo emendamento proposto sempre da Gianluca Usai, Francesco Serra e da me e condiviso da tutta l’opposizione.

Nessuna opera pubblica, nessuna promessa mantenuta, nessuna volontà di apertura a proposte ragionevoli che pure erano parte del programma elettorale della coalizione che ha vinto le elezioni comunali.

Nessun accenno a Dedalo, Ateneo, Cortexandra, semplicemente non esistono.

Dicono di non aver aumentato i tributi ed è vero. Tacciono però di averlo fatto grazie al bonus della raccolta differenziata (+ 150.000 euro) e per un gettito straordinario di tributi relativi agli anni precedenti (+ 270.000 euro), risultati della collaborazione dei cittadini durante la nostra amministrazione. La responsabile del servizio finanziario ha già scritto nella relazione previsionale che il prossimo anno, a meno di miracoli del governo, dovranno aumentare tutte le aliquote tributarie.

E’ il primo bilancio approvato in tempi strettissimi, questa è l’unica attenuante che da sola non basta a giustificare una completa assenza di indirizzo politico. E’ inoltre incredibile il mutismo della sindaca che non interviene mai durante la discussione in consiglio, ormai parla solo tramite cartoline – telegramma su Facebook.

Ieri tutta l’opposizione ha dato prova di serietà, di capacità di studio e proposta concreta, di volontà di essere protagonista. Abbiamo svolto il ruolo di controllo democratico e di proposta per migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini. La maggioranza (che non è mai intervenuta durante tutta la discussione salvo le incursioni propagandistiche e demagogiche del capogruppo dei riformatori) ha invece eretto un muro.

Adesso aspettiamo le linee programmatiche per capire cosa vogliano fare, per ora c’è grande confusione sotto il sole.

Anna Crisponi

  1. ..”.Stessa cosa per lo streeming del consiglio comunale: sarebbero bastati poche migliaia di euro per attivare il servizio con la copertura finanziaria approvata dagli uffici, eppure i paladini della trasparenza hanno respinto anche questo emendamento proposto sempre da Gianluca Usai, Francesco Serra e da me e condiviso da tutta l’opposizione”..ANNETTA LA PROPOSTA STREAMING ..NON L’AHI PORTATA TU ..PINOCCHIO CHE NON SEI ALTRO ..TI RICORDO CHE TU ..QUANDO ERI IN CONSIGLIO INSIEME AL TUO MANIPOLO DI EROI ..HAI RESO NECESSARIA UNA RACCOLTA FIRME ..QUINDI MUTA CON STE PROPGANDE…..LO STREAMING E TUTTO 5 STELLE ..NN C’INTRASA NUDDA..ANZI PUOI TRANQUILLAMENTE RAMMENTARE ..TUTT LE VOLTE CHE VI ABBIAMO CHIESTO PIU TRASPARENZA DURANTE LE VOSTRE RIUNIONI ”SEGRETE” DENTRO LA STANZETTA FIANCO AL CONSIGLIO ,,”’PER DISCUTERE DI UN BENE PUBBLICO” TRA L’ALTRO”….”TU PROPIO TU ..MIA CARA POLITICANTE DI PROFESSIONE…MI HAI GUARDATO DICENDO…. MA QUESTA E POLITICA…DA CHE PULPLITO PUNTI IL DITO SU I TUOI COLLEGHI…SEI PROPIO UNA BRAVA POLITICA… SE VOI TUTTI BRAVI POLITICI RIUSCISTE AD ESSERE BRAVI AMMINISTRATORI FORSE ILMONDO SESTU SAREBBE MIGLIORE..FINO AD ALLORA CHI E SENZA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA…

  2. A me sembra piuttosto che dietro questo bilancio, pur frettolosamente approntato, si inizino a riconoscere alcuni principi politici ben connotati e condensati nell’affermazione dell’assessore al bilancio riportata qualche giorno fa dall’Unione Sarda (09/09/2015). Secondo l’assessore Andrea Pisu infatti aumentare le tasse è inutile in tempi di crisi perché non per forza si incrementa il gettito. Ecco, dietro questa apparente soggettiva convinzione c’è in realtà una precisa ideologia politica, cioè quella che rifiuta il prin­ci­pio costi­tu­zio­nale della tas­sa­zione pro­gres­siva come fon­da­mento della cit­ta­di­nanza sociale e delle poli­ti­che pub­bli­che. Questo primo bilancio del comune di Sestu lascia intravedere i segni inconfondibili dell’ideologia neoliberista della destra eco­no­mica. I suoi frutti amari saranno presto ben visibili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...