Divagazioni intorno alla chiesa del SS. Salvatore a Sestu (II parte)

Il desiderio di acquisire ulteriori conoscenze sulla Chiesa del SS. Salvatore è riemerso con prepotenza quando ho scelto il mio paese natale come luogo di residenza. Sicché per soddisfare quella curiosità, rimasta in parte e a lungo inappagata, mi sono dedicato a nuove ricerche. Ma come talvolta mi accade, mi sono un po’ allontanato dall’oggetto iniziale della mia curiosità…

orme-1

Graffitti medievali nella chiesa del SS. Salvatore di Sestu

Sulla Chiesa del SS. Salvatore di Sestu ho trovato molte informazioni. Di fondamentale importanza si è rivelata la tesi di laurea di Lucia Siddi, intitolata “Il San Salvatore di Sestu e la Santa Mariedda di Senorbì. Contributo all’architettura medioevale in Sardegna” (sostenuta nell’Anno Accademico 1977/78). Un lavoro ricco di considerazioni di carattere storico e di giudizi estetici e valoriali che hanno avuto il merito di arricchire notevolmente la letteratura sul “romanico” in Sardegna e sulla chiesa di SS. Salvatore di Sestu in particolare. Nondimeno ho trovato interessanti i numerosi lavori che l’ accademico, buon’anima, Roberto Coroneo ha dedicato a questo monumenot.  Su questa chiesa hanno poi scritto gli  studiosi locali Vittoriano Pili, Franco Secci e Luisella Pili, le cui ricerche sono state per lo più pubblicate sul giornale locale “L’occhio del Cittadino.

Leggendo e ricercando, ad un certo punto la mia attenzione si è soffermata su un articolo di Ignazio Grecu intitolato Le “orme” dei Pellegrini nelle Chiese della Sardegna Medioevale. Questo autore sostiene che in Sardegna sono state individuate “orme” nel paramento murario di 14  chiese medioevali”. Tra queste vi è anche la chiesa dedicata al SS. Salvatore di Sestu. Questa notizia ha rappresentato per me una vera scoperta – anzi, direi una bella scoperta! Diversi studiosi avevano fatto riferimento ai graffiti della facciata del SS. Salvatore, ma nessuno prima del Grecu li aveva collegati alle orme dei pellegrini. A quel punto era impossibile non approfondire.

Nel tentativo di individuare il periodo in cui potrebbe aver avuto inizio in Sardegna la pratica di incidere “orme” sul paramento delle chiese, Grecu avanza l’ipotesi che  “la loro presenza in un numero di chiese relativamente esiguo, (per di più) databile in un arco temporale molto ristretto, possa costituire un valido argomento per ipotizzarne la (loro) realizzazione in tempi non molto discosti da quelli di impianto e costruzione, dunque nei secoli medioevali”.  Il paramento murario in cui sono incise risalirebbe, secondo Grecu, al primo quarto del XII secolo. Alle stesse conclusioni, bisogna ricordarlo, era arrivato anche Vittoriano Pili. E c’è ragione di credere che la notizia sia fondata in quanto quello è il secolo in cui si svolsero le crociate e quindi il periodo in cui decollò e si diffuse massicciamente la pratica del pellegrinaggio.

Per inquadrare il fenomeno nel contesto del medioevo sardo, può essere utile richiamare alcuni passaggi di “I santuari: finestre sull’infinito e sulla storia delle genti sarde” di Tonino Cabitzosu. Scrive Cabizzosu che nei secoli XI e XII la civiltà sarda registrò una fioritura di chiese romanico-pisane, intorno a cui si sviluppò la pietà popolare, irradiando promozione umana e spirituale. La committenza di queste chiese-santuario è da attribuire all’autorità laica, ai giudici, che lavorarono in sintonia con quella religiosa.  E più oltre precisa che numerosi pellegrini nel corso dei secoli, hanno lasciato traccia del loro pellegrinare di santuario in santuario incidendo sui conci le impronte dei sandali. Fornisce quindi alcuni dati sulla diffusione del fenomeno, sostenendo che il territorio in cui si registra il maggior numero di orme è il Giudicato di Torres con 50, 4 in quello di Gallura, 35 in quello di Cagliari e 33 in quello di Arborea.

Dal canto suo il Grecu, procedendo alla descrizione delle orme della chiesa del SS. Salvatore di Sestu, precisa che le stesse sono insolitamente graffite in conci posti all’interno dell’edificio, più esattamente in prossimità dei tre portali e alla base dei pilastri da cui nascono le prime arcate dei setti divisori. Secondo una prassi consolidata questo genere di segni venivano generlamente tracciati all’esterno. Coloro decidevano di lasciali erano infatti viaggiatori e come accade ai viaggiatori di tutte le epoche (accade anche oggi!), spinti dal desiderio di lasciare una traccia indelebile del loro passaggio in quei particolari luoghi, incidevano graffiti simbolici in punti ben visibili ed accessibili a chiunque.

orme-iiIl Grecu ritiene che le orme tracciate nella chiesa del SS. Salvatore siano state realizzate mediante la pratica di piccoli fori eseguiti in successione, oppure tracciate con una punta molto fine. Nella parte conclusiva del suo articolo l’autore riporta una serie di tavole in cui sono riprodotte le forme delle orme tracciate dai pellegrini, nonché le loro varianti . Dal raffronto con esse, le orme del SS. Salvatore di Sestu possono essere ascritte a tipologie diverse. Non è dunque possibile attribuire ad esse un significato preciso.

Dall’attento esame del Grecu emerge però un altro particolare, a mio parere molto interessante. Egli rileva infatti che in facciata, i cinque filari di conci con decoro geometrico possono rimandare a simboli legati al viaggio e alla pratica del pellegrinaggio. Ciò mi ha fatto pensare che coloro i quali hanno eseguito quei graffiti si proponessero non solo di lasciare un segno del loro passaggio ma anche di rassicurare gli altri pellegrini del fatto che si trovavano sulla strada giusta. In questo senso le orme graffite nei muri fungevano da segnaletica stradale per indirizzare correttamente i pellegrini nel loro cammino.

Se questa mia ipotesi non è del tutto stramba, allora è credibile che la chiesa del SS. Salvatore fosse collegata agli itinerari dei pellegrini dell’epoca. Che l’ipotesi non sia del tutto “peregrina” (perdonatemi il gioco di parole) è avvallato dal fatto che i graffiti individuati nei cinque conci della facciata si possono ricollegare ai simboli medievali legati al viaggio e alla pratica del pellegrinaggio.

A questo proposito ritengo di rilevante importanza le considerazioni avanzate dal Frau. Scrive quest’ultimo che “a Sestu, la chiesa campestre di San Gemiliano… (oggi) non presenta tracce di orme graffite, forse (perché sono andate) perdute con l’addossamento di ambienti seicenteschi al fianco nord e del portico cinquecentesco alla facciata”, per la protezione dei pellegrini.

Orme dello stesso tipo sono presenti nella chiesa di San Lussorio di Selargius, incise in alcuni conci del portale laterale della chiesa. Lo sostiene Giampietro Dore nel suo libro “Sulle orme dei pellegrini”.  Il Dore fa presente che sempre a Selargius, nell’area del portico antistante la chiesa di San Giuliano, e stata rinvenuta una placchetta di piombo, datata al XII-XV secolo, raffigurante i santi Pietro e Paolo. Suppone l’autore che quella placchetta – che insieme alla chiave era il simbolo che  contraddistingueva i pellegrini diretti a Roma – sia stata ripostata da un pellegrino o da un commerciante.

Dunque, seppure non esiste prova certa di quanto sostenuto da Frau a proposito dell’esistenza di orme nella chiesa di San Gemiliano, tutta una serie di altri indizi lasciano credere che la notizia sia fondata. E’ infatti verosimile che la chiesa di san Gemiliano, insieme a quella del SS. Salvatore nel territorio di Sestu, da un lato, e la chiesa di San Lussorio a Selargius, dall’altro lato, fossero meta di pellegrinaggio all’interno di un itinerario il cui termine ultimo poteva essere il Porto di Palma, dove esisteva una chiesetta dedicata alla Madonna, oppure Portu Gruttu dove i pellegrini si imbarcavano per raggiungere il Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Pinotto Mura

Divagazioni intorno alla Chiesa del SS. Salvatore di Sestu (I parte)

Quando da bambino venivo a Sestu a trovare i parenti e soprattutto il nonno Antonio, la cui casa in Via Nuova era molto prossima alla Chiesa del SS. Salvatore, provavo grande attrazione per quel monumento. Dai miei ricordi d’infanzia legati a quella chiesa, affiorano soprattutto quelli legati all’altare ligneo, su cui troneggiava la statua del SS. Salvatore. La sua semplicità la rendeva bellissima agli occhi di un bambino e proprio per questo catturava la mia attenzione sopra ogni altro oggetto. (P. M.)

chiesa-ss-salvatore_sestuQualche tempo fa mi sono ritrovato a sostare nella Piazza del SS. Salvatore con un gruppo di persone che abitano o che hanno abitato nel rione conosciuto come “part’ e susu”, cioè la parte del paese situata a nord del Rio Matzeu dove è appunto ubicata la Chiesa del SS. Salvatore.  Ho così approfittato dell’occasione per manifestare il mio dispiacere per il fatto che nella chiesa non fosse più presente l’altare ligneo di cui conservavo un vivido ricordo d’infanzia, insieme al mio disappunto per la sua rimozione senza un plausibile motivo e per il fatto che non fosse noto il luogo della eventuale attuale conservazione.

Mentre mi intrattenevo a discorrere con queste persone, si è avvicinata, per salutarmi, una vecchia amica, anch’ella risiedente nel rione.  La metto a parte delle nostre discussioni e a lei chiedo esplicitamente se per caso fosse al corrente del destino dell’altare ligneo, un tempo conservato nella chiesa. Al che l’amica, seguendo il filo dei suoi personali ricordi, mi dice: “Mi sono sposata in questa chiesa e allora l’altare c’era ancora.  Ho anche un fotografia, scattata proprio davanti all’altare. Se me ne dai il tempo, vado a casa e te la porto”. Detto, fatto. L’ho già fatto personalmente, ma colgo l’occasione per ringraziare anche pubblicamente questa gentile amica, che non ha esitato a soddisfare la mia curiosità mettendomi a disposizione una preziosa testimonianza del passato della chiesa, anche se legata a un momento strettamente personale della sua vita. chiesa-del-ss-salvatore_altare-ligneoDi quell’altare rimane il pannello della parte inferiore che si può ammirare ancora appeso alla parete immediatamente dopo all’ingresso laterale dalla Piazza. Basta osservarlo per intuire quanto fosse bello nel suo complesso il vecchio altare.

Sulla vicenda della rimozione del vecchio altare e della sua eventuale successiva sistemazione, la conversazione con gli amici del rione non ha offerto significativi elementi di conoscenza. Diverse e contraddittorie le versioni al riguardo. Da par mio consideravo che la rimozione dell’altare fosse dipesa dai necessari adeguamenti seguiti alla riforma liturgica prescritta dal Concilio Vaticano II. Come è noto, le trasformazioni più rilevanti hanno riguardato proprio la costruzione di un nuovo altare al fine di permettere al sacerdote, nello spirito della riforma, di celebrare la messa mostrando la faccia ai fedeli.  Ciò ha comportato lo spostamento della sede dell’altare dalla parte destra del presbiterio al centro di esso.

In alcune chiese si è scelto di non demolire l’altare originario e per consentire la celebrazione con la faccia del presidente rivolta verso il popolo, accanto ad esso è stata sistemata una nuova mensa eucaristica, in posizione centrale. Non sempre però i presbitéri presentavano spazi sufficienti per eseguire i prescritti adeguamenti liturgici senza che ne soffrisse la dislocazione dei vari mobili e immobili che obbligatoriamente devono essere presenti in quell’ambiente. Questo fatto mi portava a concludere che proprio le ridotte dimensioni del presbiterio della Chiesa del SS. salvatore potessero aver portato alla rimozione del preesistente altare ligneo. Una grave perdita, a mio parere, ma come sentenzia un antico detto sardo: “cosa fatta est prus forti  de su ferru”.

A questo proposito Franco Secci, nel suo libro “SESTU tra storia, cronaca e immagini”, riferisce che “l’intonaco della volta e l’altare ligneo settecentesco, di nessun  pregio, sono stati rimossi nel 1988, quando si è provveduto al restauro della chiesa”. Notizia interessante ma tutt’altro che convincente ed esaustiva delle mie curiosità. E’ ipotizzabile che il restauro sia stato eseguito sulla base di un progetto della competente Soprintendenza, o da tecnici e operai di provata capacità e di fiducia di quell’Ufficio. Come è stato possibile – mi domando allora – che un altare in legno del Settecento possa essere stato rimosso perché “privo di valore artistico” o meglio perché considerato “di nessun pregio”? Non sono un tecnico dei beni culturali ma  mi permetto di esprimere forti perplessità su simili valutazioni da parte di professionisti del settore della Tutela. E comunque, quand’anche quell’altare fosse stato privo di valori artistici, resta il fatto che si trattava di un manufatto del Settecento e che pertanto possedeva almeno un valore di testimonianza storica.

chiesa-di-ss-salvatore_pannello-altare

Particolare del pannello inferiore che faceva parte dell’altare ligneo del SS. Salvatore

Né gli amici della piazza, né il libro di Franco Secci erano dunque riusciti a chiarire i miei dubbi. Continuavo a domandarmi: quando è stata realizzata la rimozione dell’altare in legno? Chi ha disposto i lavori per la sua esecuzione? E ancora: la rimozione degli ingombri e la ristrutturazione dello spazio ottenuto sono stati eseguiti sulla base di apposito progetto, presentato al giudizio delle competenti Autorità e regolarmente approvato dalle medesime? E soprattutto: dove è stato conservato l’altare rimosso?

Per cercare di trovare le risposte ai miei interrogativi ho allora deciso di portare avanti alcune ricerche iniziate diversi anni fa, quando ho scelto di tornare a vivere nel mio paese natale. Allora, sulla scorta dei ricordi infantili, il bisogno di approfondire la conoscenza della storia del mio paese era emerso con prepotenza. Ho così ripreso a frequentare archivi e biblioteche. La ricerca sulla Chiesa del SS. Salvatore di Sestu è stata lunga e impegnativa ma devo dire che alla fine ha dato i suoi frutti. I documenti raccolti  mi hanno permesso di allargare oltre ogni aspettativa le mie conoscenze sull’argomento. Non vorrei però annoiare troppo i lettori con le mie divagazioni. Per cui, per ora, mi fermo qui.

Pinotto Mura

“Parole al vento”, poesie per iniziare il nuovo anno

reading poesia cif sestuNutrire l’animo per riempire quel senso di vuoto che spesso ci accompagna. Riempirlo di bellezza, spensieratezza, suoni, parole, musica, persone che amano conoscersi e desiderano riconoscersi nel desiderio di condividere tutto questo.

Poesia per iniziare il nuovo anno. Un momento di incontro poetico per trovarsi e conoscersi. Con l’intento di colmare un vuoto, il Centro Italiano Femminile di Sestu organizza una serata di poesia, sabato 2 gennaio alle 17:30 nei locali del parco comunale.

L’organizzatrice della serata, Marinella Fois, ha invitato a partecipare una ventina di autori provenienti da Sestu, da altre parti della Sardegna e del mondo, persone con esperienze umane e professionali diverse, che hanno in comune la passione per la poesia e trovano in quest’arte il modo di esprimersi e esprimere il mondo che li circonda.

‘Parole al vento’, il titolo della serata. Nel segno della massima libertà di espressione, parole che libere si lasciano raccontare, trasportare e interpretare.

La musicalità della parola. Ad accompagnare gli autori ci saranno Ignazio Murru alla chitarra e Michele Ugas al pianoforte. L’intreccio tra musica e poesia è insolubile, un legame profondo. Un mistero che ogni volta si rinnova: la risonanza tra suono e senso.

Vi invitiamo a rinnovare con noi il mistero, sabato 2 gennaio alle 17:30 nei locali del parco comunale.

Gli autori che hanno dato la loro adesione:

Ignazio Murru, Katia Debora Melis, Chicco Pais, Aldo Lai, Ramona Oliviero, Camillo Pili, Giuseppa Sicura, Bianca Mannu, Fabio Pisu, Giorgio Valdes, Maria Tina Biggio, Carlo Onnis, Aldo Loru, Pietro Cogoni, Enrica Meloni, Boucar Wade, Daniela Pia, Carlo Sorgia, Laura Ficco, Fernanda Pinna, Sergio Mereu, Angelica Piras.

Carla Cristofoli

Le cifine sono tornate!

Colazione CAFFE' TORINO 009L’idea è nata un po’ cosi, quasi per sbaglio. Quando ne parla Anna Maria Pintus ancora oggi si spaventa, ‘Ma cosa mi sarà venuto in mente!?’.
Voleva Anna Maria che di questo paese, di Sestu, se ne parlasse altrimenti, che non i soliti articoli di cronaca, che si desse voce a chi, per fortuna, in cronaca non ci finisce, ma ha comunque qualcosa da dire, da raccontare.
Anna Maria pero’ non sapeva come fare tutta sola, aveva questa bella idea che covava nel cuore e diventava sempre più grande.
L’ostinazione delle cifine la conoscono bene i rispettivi mariti e tutti coloro che ci hanno avuto a che fare. Quando hanno un’idea in testa, con garbo e eleganza, vanno avanti come un treno, con la stessa pazienza e garbo e eleganza con cui sfornano dolci sardi e ricamano tovaglie. Caterpillar del savoir-faire. E pure del savoir-être.
Ad Anna Maria vengono in mente due o tre ‘giovani’ donne (uso le “…” che tanto giovane manco io sono!), di cui pero’ non ha né numero né indirizzo. Penserete mica che si sia arresa, vero?!
Eccola dunque, Anna Maria che va a bussare alla porta delle mamme di queste ‘giovani’ donne, mamme che conosce e che sa dove stanno. Le fa chiamare, le fa cercare, si fa dare il numero, l’indirizzo, le cerca, le trova. Insomma le stana!
Quando mia mamma mi ha chiamato, apposta!, e mi ha raccontato la faccenda, mi è talmente piaciuta questa storia di andar a cercare mamme per stanare figlie, che Anna Maria l’ho chiamata io, per ringraziarla, per aiutarla, per far mia un’idea sua, per farla diventare nostra, di tutti.
‘Noi e gli altri’, appunto.
È nato cosi ‘Sestu: noi e gli altri’, il primo concorso letterario per poesie e racconti brevi.
Quest’anno di figlie da stanare ne abbiamo trovato altre. Succede che quando una bella idea cova nel cuore di molti diventa sempre più grande.
Quest’anno il concorso è ancora più grande. Aperto a tutti in Sardegna, aperto ai bambini e ragazzi delle scuole di Sestu, il tema libero per lasciar spazio a tutti. Una giuria competente, composta da persone provenienti da diverse parti della Sardegna: insegnanti, scrittori, giornalisti, impegnati nella promozione e produzione della cultura.
State in campana, che il bando è pronto, si pubblica a giorni. Le cifine son tornate!

Carla Cristofoli

Festa dei lettori 2015

Festa dei lettori_AngelicaElmas,  3 ottobre 2015 – Piazza Cambosu, dalle 15.00 alle 19.00

Non si nasce con l’istinto della lettura come si nasce con quello di mangiare e bere…bisogna educare i bambini alla lettura (Gianni Rodari)

PROGRAMMA

Ore 15.00 – 16.00 Animazione per bambini: Cada Die Teatro, Giancarlo Biffi presenta “Quincho e la gatta dal ciuffo rosso”

 A partire dalle ore 16.00 circa:Spazio alla creatività”.

L’Associazione FogliVolanti proporrà l’attività laboratoriale intitolata “Giardino di farfalle”, dove ogni bambino verrà guidato nella realizzazione di piccole farfalle di cartoncino colorato (da portare via o lasciare nei prati).

Ore 18.00 – 19.00  Reading di poesia (a cura di Angelica Piras).

Hanno dato la loro adesione i poeti:  Rosaria Floris,  Katia Debora Melis, Giuseppa Sicura, Bianca Mannu, Carlo Onnis, Silvia Serafi, Massimo Steri, Sergio Mereu, Marilisa Boi, Marina Cozzolino, Maria Tina Biggio,Fernanda Pinna, Marinella Fois, Anna Pistuddi, Marina Corona, Carlo Sorgia, Giorgio Peddio, Enrica Meloni, Boukar Wade, Roberto Concu, Gabriele Soro, Beppe Roggio. Accompagnamento di Manuel Cabras.

BOOKCROSSING in Piazza a cura di “Equilibri, Circolo dei Lettori e Presidio del Libro di Elmas” (prestito, scambio, suggerimenti su libri e letture per bambini, ragazzi e adulti)

L’ANGOLO DELLA BIBLIOTECA. La Biblioteca comunale curerà un suo apposito spazio. Sarà possibile iscriversi, chiedere informazioni sui servizi, sui libri a disposizione, dare suggerimenti e fare richieste di libri che si vorrebbe fossero acquistati.

PER I BAMBINI: saranno messi a disposizione tavolini, album e colori per tutti quei bambini che vorranno inventare disegni, pensieri, sui libri e sulla lettura. I tre lavori migliori saranno premiati con la copia di un libro scelto dagli organizzatori.

“Domenica di carta”. Viaggio attraverso i depositi del tempo.

L’Archivio di Stato di Cagliari aderisce alla Giornata nazionale “Domenica di Carta” con un’apertura straordinaria domenica 11 ottobre, dalle ore 17 alle ore 20. Per la prima volta saranno organizzati dei percorsi guidati nei depositi archivistici alla scoperta dei fondi più antichi come l’Antico Archivio Regio del periodo catalano-aragonese e spagnolo (secoli XIV-XVIII), ma anche dei fondi più moderni e vicini a noi tra i quali l’Archivio del Carcere di Buon Cammino. Sarà un viaggio tra le carte per apprendere i principali metodi di conservazione e di restauro e le principali tecniche della digitalizzazione.

Domenica di carta

YOUTH – La Giovinezza di Paolo Sorrentino – Recensione di Marina Cozzolino

youth-giovinezza-sorrentinoYouth – La giovinezza- del regista Paolo Sorrentino, candidato al Festival di Cannes 2015, era uno dei film più attesi dell’anno. Arrivato sullo schermo a due anni dal successo del precedente lavoro, La Grande Bellezza, insignito del Premio Oscar come migliore film straniero nel 2014, Youth è un film non “facile”, a tratti felliniano e pertanto sospeso tra sogno e realtà; è un mosaico di visioni dentro il quale le immagini e la musica vanno di pari passo costringendo lo spettatore ad un’attenzione costante al fine di poter interpretare da solo molte scene del film. Youth non è un film sulla giovinezza o sulla nostalgia della giovinezza ma non è neppure un film sulla vecchiaia, è semmai un film che indaga sul rapporto tra figli e genitori anziani, sulla musica, sull’amicizia, sull’amore, sul tempo che fugge, sulla vita e i suoi drammi. La vecchiaia è vista nel suo rapporto col futuro quando se ne ha poco davanti rispetto a quello che hanno a disposizione  i figli. I due amici, interpretati da due icone dello star system americano, sono Michael Caine( Fred) e Hervey Keitel (Mick), accompagnati da un cast strepitoso: Jane Fonda, Paul Dano, Rachel Weisz.

La storia si svolge in un lussuoso albergo sulle Alpi svizzere dove Fred e Mick, due amici di lunghissima data, si ritrovano a soggiornare insieme ad una folta schiera di personaggi insoddisfatti della propria vita. Gli ospiti dell’albergo trascorrono le loro giornate impegnati in massaggi, saune, wellness quotidiano, lavaggi d’intestino e passeggiate in una natura incontaminata. Fred Ballinger è un direttore d’orchestra in pensione, dolente e apatico,  che non vuole più suonare neppure quando a chiederglielo è la Regina Elisabetta II, Mick Boyle è un regista ottantenne che vuole fare un film testamento sulla propria vita e si è circondato di un gruppo di giovani sceneggiatori. Mentre Fred sembra essersi arreso alla vecchiaia (ma poi vedremo che cambierà atteggiamento), Mick sembra non volersi arrendere (ma poi vedremo che s’arrenderà). Tutti i personaggi sembrano avere paura della vita, soprattutto sembrano avere paura delle emozioni che la vita inevitabilmente ci impone di dover fronteggiare. Fred è ormai interessato ai soli suoni che produce la natura, allo scampanio delle mucche al pascolo e crea la sua musica stropicciando la carta rossa di una caramella che tiene tra le mani.

I personaggi sembrano distanti l’uno dall’altro, non si toccano mai; solo i massaggiatori e i medici pongono le mani sui loro corpi rugosi e sfatti dagli anni  ma sarà nella quotidianità delle passeggiate, delle chiacchierate, dei battibecchi, che ognuno di loro si accorgerà di essere una risorsa per l’altro, lasciando che l’ emozione non sia più la grande assente. E quando le emozioni saranno finalmente liberate, le vite dei protagonisti avranno una svolta imprevista perché per tutti, a prescindere dall’età, c’è una speranza per il domani. “Tutti siamo inadeguati alla vita, ed è proprio per questo  che non dobbiamo averne paura” dice la bambina, fan dell’attore Jimmy Tree, interpretato magistralmente da Paul Dano, stanco del ruolo di robot nel quale lo ha imprigionato il suo pubblico e l’unica che lo ricordi in un ruolo diverso. ”Le emozioni sono tutto quello che abbiamo”  dice Mick all’amico Fred e lo stesso Sorrentino in una recente intervista rilasciata a Paola Zanuttini di Repubblica ha dichiarato: “ A  ottant’anni non si deve per forza rinunciare a un’idea di domani. Col passato non si è liberi perché è andato, col presente lo si è poco, ma il futuro, anche se breve, è la più grande prospettiva di libertà che abbiamo”

Marina Cozzolino

(Dal sito di Equilibri – Circolo dei lettori di Elmas)

La cultura nei programmi elettorali per Sestu

libri sospesiLa campagna elettorale per le comunali 2015 a Sestu sembra procedere un po’ sottotono. Fatta accezione per i soliti insulsi dibattiti che si sviluppano su Facebook, poco si parla in generale delle iniziative elettorali che si sono svolte sinora e quasi nulla è stato riportato dalla stampa regionale. Altra caratteristica di questa tornata elettorale è la parsimonia usata da tutti gli schieramenti nel diffondere materiale elettorale informativo sui programmi. Un po’ la crisi, un po’ il fatto che si da per scontato che le persone non leggano, chi non si accontenta di cartelli e slogan ad effetto può avere qualche difficoltà a reperire informazioni compiute che diano un’idea esaustiva su cosa vogliono fare e quali sono le idee di governo dei vari candidati sindaci che si propongo di governare il comune. Chi ha interesse a informarsi può comunque farlo consultando il sito del comune dove sono scaricabili i pdf di tutti i programmi elettorali.

Per quanto di interesse dei lettori di questo blog, ho provato a focalizzare l’attenzione sul tema della cultura. Un argomento tutt’altro che secondario. Il modo stesso in cui viene trattato è infatti indicativo della visione di società e di sviluppo sottesa ai vari schieramenti in campo. Consideriamo per primi i programmi delle liste che si dichiarano estranee al sistema dei partiti, più o meno tradizionali, e che in quanto tali si vorrebbero portatrici di idee nuove e diverse.

Il programma elettorale del candidato sindaco Antonio Mura considera la cultura in stretto rapporto con il turismo. Beni e attività culturali sono finalizzati “a rendere interessante il paese per il visitatore”. In quest’ottica è significativo che la stessa Biblioteca comunale venga considerata solo in quanto edificio storico da inserire all’interno di percorsi turistici. Prevale dunque in questo programma un’idea di cultura asservita al Mercato, tutt’altro che nuova e originale.

Nel programma della lista civica della candidata Maria Cristina Perra al tema specifico della cultura sono dedicati alcuni punti che evidenziano il carattere vagamente sovranista e identitatario di questo schieramento. Oltre alla modifica dello statuto comunale per l’adozione del sardo come lingua ufficiale della pubblica amministrazione  (suppongo), si propone la creazione di uno spazio espositivo (un museo?) per i beni storici, archeologici, culturali e identitari della tradizione sestese e si annuncia l’intenzione di promuovere la cultura e le tradizioni sarde in sinergia con le associazioni locali. Sotto questo profilo dunque il programma culturale della lista “Rinnoviamo Liberamente” si pone in continuità con la politica culturale delle passate amministrazioni. Un’ultimo punto è infine dedicato all’individuazione di locali comunali per la Mediateca che dovrebbe, nelle intenzioni, fungere da polo di studio e incontro tra cittadini dediti alle varie attività culturali. Non è dato sapere che fine farà in quest’ottica la biblioteca comunale. Ci sarà ancora spazio per i libri e i servizi di promozione alla lettura per tutti i cittadini, di tutte le fasce d’età, dopo che l’avranno trasformata in centro di aggregazione per eruditi locali?

Il Movimento 5 stelle dichiara di voler far rinascere la cultura che, a suo dire, da qualche anno versa “in stato di notevole degrado”, stimolando la creatività dei giovani con i finanziamenti europei del progetto Creative Europe e facendo contestualmente leva su alcune strutture e istituzioni culturali del comune. Nel disegno del M5S, Casa Ofelia dovrebbe diventare un centro di aggregazione da mettere a disposizione di tutti, e la sede della Consulta dei giovani (che poi sarebbe il Centro sociale del comune!) il luogo privilegiato per sperimentazioni musicali e teatrali. Alla consulta degli anziani infine spetterebbe il compito di trasmettere alle nuove generazioni saperi, esperienze e memorie. I grillini si accingono dunque a trarre profitto dalle strutture create dalle passate amministrazioni che, per varie ragioni, non si era riusciti a sfruttare appieno. Altro perno della politica culturale del M5s è la biblioteca, su cui però il movimento non sembra avere le idee molto chiare. Nel programma elettorale della candidata sindaca Maria Fabiola Cardia (pg. 39) si legge che per rendere più fruibile e potenziare il sistema bibliotecario (sic!) sarebbe sufficiente ampliare gli orari di apertura, potenziare i laboratori aperti ai ragazzi e ai bambini, aumentare il patrimonio librario puntando anche sull’uso di sistemi multimediali. Mi piacerebbe sapere quand’è stata l’ultima volta che la candidata sindaca del movimento 5 stelle è andata in biblioteca? Chi la frequenta infatti sa bene che il patrimonio librario e multimediale viene costantemente aggiornato e che per favorire il pieno esplicarsi del servizio e il potenziamento dei laboratori di lettura, alla biblioteca comunale servono nuovi e più spaziosi locali. Nel programma del movimento 5 stelle di questa esigenza non c’è però la minima traccia.

Il centro-destra mostra al riguardo una maggiore conoscenza della realtà locale. Nel programma della candidata sindaca Paola Secci (pg. 22) si riconosce alla biblioteca il ruolo di fondamentale presidio culturale al servizio della popolazione e si individua come suo limite l’inadeguatezza dei locali rispetto alla crescente popolazione e di conseguenza all’aumento degli utenti attivi. Per questo motivo Paola Secci dichiara che, se toccherà al suo schieramento governare, la biblioteca sarà trasferita in locali più adatti. Il centro-destra punta inoltre a creare nuovi spazi di aggregazione per i singoli e le associazioni locali, essendo venuta meno la disponibilità dei locali Faccin, e alla valorizzazione delle attività di teatro dialettale locale. Non è invece chiaro quali saranno (o in che modo saranno scelte) le associazioni di promozione culturale a cui, sembra di capire, sarà affidato lo studio e la ricerca sui beni culturali locali e la successiva diffusione dei risultati, insieme all’attivazione di laboratori culturali e artistici.

Il programma del centro-sinistra, infine, dedica alla cultura un nutrito capitolo (pg. 12-13) in cui non ci si limita a elencare le azioni che si intendono portare avanti ma si definisce a monte qual è l’idea di cultura da cui esse discendono. Per la candidata sindaca Anna Crisponi la cultura è prima di ogni altra cosa un mezzo per formare i cittadini ed educarli alla cittadinanza attiva. Rifugge dalla concezione di cultura del centro-sinistra ogni visione nostalgica e acritica del passato o una concezione rigida e immutabile dell’identità. Obiettivo del programma culturale del centro-sinistra è la crescita culturale della popolazione nella convinzione che una società incolta è destinata a rimanere indietro rispetto alle sfide che la contemporaneità ci impone. Per questa ragione si punta prioritariamente a investire sulle infrastrutture della conoscenza e quindi sui servizi culturali di base del comune: scuola e biblioteca comunale. Alla biblioteca in particolare è dedicato un progetto speciale. Si riconosce l’importanza e l’urgenza di potenziare le capacità di lettura dei cittadini, anche in funzione di un uso attivo e critico delle tecnologie, e quindi il ruolo strategico che la biblioteca può svolgere per aiutare a contrastare le diseguaglianze sociali, prevenire il disagio, l’emarginazione sociale e l’analfabetismo di ritorno. Obiettivo prioritario della candidata sindaca Anna Crisponi è pertanto la creazione di una biblioteca più grande, che diventi “metafora della città”. E’ previsto a questo fine il trasferimento nella sede dell’ex asilo di via Donizetti dove, a partire dall’analisi della realtà demografica del paese, saranno creati spazi per differenziare il servizio in funzione delle diverse fasce d’eta. Il servizio sarà potenziato con la creazione di nuovi punti prestito attrezzati nei quartieri periferici di Ateneo, Dedalo e Cortexandra. Sarà inoltre incentivata la conoscenza del patrimonio documentario della biblioteca (sia librario che archivistico) che testimonia la memoria storica della comunità, attraverso l’istituzione di borse di studio da mettere a disposizione di giovani studiosi interessati a portare avanti progetti di ricerca e pubblicazioni di storia locale.

Sandra Mereu

“Sestu: noi e gli altri”, letture pubbliche

Il CIF, Centro Italiano Femminile di Sestu, presieduto da Anna Maria Pintus, alla fine dello scorso anno ha bandito un concorso letterario intitolato “Sestu: noi e gli altri”. L’idea era nata dalla constatazione che nel nostro comune “sono tanti coloro che amano esprimere le proprie emozioni e raccontarsi attraverso la scrittura”. Non essendo però pervenuto un numero sufficiente di elaborati il CIF non ha ritenuto opportuno stabilire meriti di valore e assegnare i premi previsti dal bando.

Colazione CAFFE' TORINO 009

Le donne del CIF Sestu

Gli organizzatori del concorso hanno comunque letto con attenzione i testi ricevuti  e hanno valutato che gli autori avessero risposto appieno al tema del concorso, interpretando ciascuno a suo modo il luogo dove sono nati o dove sono arrivati per caso o per scelta e rappresentandolo come lo ricordano, come lo vivono e come lo vorrebbero.

Ritenendo che i testi fossero tutti degni di essere conosciuti e apprezzati da un pubblico più vasto, giovedì 26 marzo, nella sala consiliare il CIF  ha organizzato la lettura pubblica delle poesie e dei racconti pervenuti. Un folto pubblico ha seguito con attenzione i brani letti da Carla Caboni e commentati da Carla Cristofoli.

Colazione CAFFE' TORINO 006

Gli autori. Da sx: Marinella Fois, Ramona Oliviero, Aldo Loru, Aldo Lai, Giorgio Valdes

Per l’occasione è stato distribuito un libretto contenente tutte le poesie e i racconti, con l’introduzione curata da Carla Cristofoli, che potete leggere scaricando il pdf allegato: Sestu, noi e gli altri_CIF

Sandra Mereu

“Fuori asse” di Alessio Simoni

11004820_10203738736245685_382947328_n

Fuori asse

Eternamente fuori posto

Nel gioco del cosmo

Senza sistema, senza schema.

Blocca l’ingranaggio di quest’anatema.

Difendi il tuo stato ad oltranza,

non farti inglobare dalla maggioranza.

Per loro quel che fai è un oltraggio,

accetta, esterna il dissenso al loro male,

rifiuta chi vuol indottrinare portando paura,

sradicando ogni pianta di cultura.

Semina semi sempreverdi.

Svermina vermi putrescenti.

Fai splendere il faro del tuo sapere,

non fermarti adesso, non devi più tacere.

Alessio Simoni

(12/06/2014)

“Accarezzavo da un decennio l’idea di mettere in scena Bellas Mariposas” – Intervista all’attrice Monica Demuru di Pier Giorgio Serra

monica 3“Bellas Mariposas” è un racconto lungo, scritto da Sergio Atzeni e pubblicato postumo. Le due protagoniste adolescenti, Luna e Cate (voce narrante), ci portano per mano nel sogno lungo un giorno di una loro giornata particolare che si snoda tra le inquietudini metropolitane vissute in un quartiere della periferia di Cagliari e la loro sfrontata voglia di vivere la vita così come è, senza filtri morali o reverenze dovute alle convenzioni sociali. In questo racconto Atzeni inventa un nuovo modo d’uso della parola scritta, va alla ricerca delle radici linguistiche di una comunità subalterna, attraverso una forzatura destrutturatrice della lingua egemone. Monica Demuru ha dato voce a queste parole nella sua personale reinvenzione del testo atzeniano proposta in occasione della premiazione della quattordicesima edizione del Premio letterario Antonio Gramsci. Il lavoro, per la regia di Annalisa Bianchi e prodotto da Egumteatr, si presenta come musica di parole per amore e per rabbia. Negli spazi della sala conferenze del Comune di Ales è andato in scena sotto forma di Reading, con Monica Demuru a dar vita ad un ideale dialogo tra la vitalità senza tempo delle parole scritte da Atzeni e l’espressività potente e ridondante della voce dell’attrice accompagnata dal contrappunto dei gesti minimi e attenti del suo corpo avvolto da una trama sonora che spaziava da Benjamin Britten ai Velvet Underground, da Giovanni Guaccero ai Clash. Abbiamo rivolto alcune domande all’attrice.

Perchè portare il testo di Sergio Atzeni a Teatro?

L’idea è venuta ad Andrea Nanni come proposta per il cartellone del festival teatrale di Castiglioncello, che in quell’anno, credo il 2012, dirigeva. Fu lui a mettere insieme me e la regista Annalisa Bianco, ignaro del fatto che io accarezzavo da un decennio l’idea di mettere in scena proprio Bellas Mariposas. Evidentemente la natura monologante di questo testo e la sua potenza evocativa e ritmica si impongono quasi spontaneamente. Se pensi che del testo originale sono state tagliate forse quattro pagine, hai la misura dell’intenzione performativa già nel testo all’epoca della pubblicazione. Come tutte le opere d’arte è il dispositivo estetico nel suo complesso a rendere Bellas Mariposas un soggetto scenico interessante. Non si trattava di portare Atzeni in teatro ma finalmente di seguirlo!

Quanta oralità c’è nel testo di Atzeni?

La lingua di Bellas Mariposas è un’invenzione preziosa proprio perché costruita collocando l’italiano regionale e il dialetto all’interno di una forma letteraria molto controllata. La gergalità dei ragazzi cagliaritani dell’epoca scorre in stringhe scritte tra flusso di coscienza, senza punteggiatura, e lunghe pause musicali. Una prosa poetica rovesciata verso il basso che attinge, divertita, alle più gustose espressioni della parlata autentica dei contemporanei di Atzeni, attualissima anche oggi. Ridurla a espressione “vernacolare” e realistica o, viceversa, considerarla solo invenzione letteraria sarebbe riduttivo.

La sua è una lingua meticcia. Che difficoltà comporta portarla a teatro, dalla pagina scritta alla voce viva e presente della scena?

L’efficacia del testo di Atzeni risulta evidente proprio nella sua comprensibilità a tutti i pubblici anche quando il meticcio spinge verso l’estremo. C’è una misura studiata che consente, attraverso il contesto, la comprensione delle parole ed espressioni più oscure, soprattutto ai non sardi, senza che ci si senta estranei o respinti. Più difficile restituire l’innocenza della protagonista anche attraverso l’oscenità delle situazioni che racconta e del relativo linguaggio. Era nostra preoccupazione, inoltre, rispettare la struttura formale misteriosa e poetica del testo – blocchi, pause, espressioni interrotte, allusioni -, senza sottrarre credibilità a Caterina. Piuttosto complicato per la memoria la gran mole di ripetizioni, elenchi e sgrammaticature volute. E’ stata poi necessaria una speciale attenzione a tenere l’equilibrio tra la comicità e la drammaticità del testo, senza sbilanciarlo in una unica direzione.

Molti scrittori sardi sono innamorati del passato, anche Atzeni in alcuni suoi testi. In Bellas Mariposas invece ha scelto il presente o forse, grazie alla sua scrittura visionaria, il futuro, questo o altro ha influenzato la tua scelta del testo?

Da questo testo venni letteralmente folgorata. Si materializzavano davanti a me i tipi umani della mia adolescenza tra Oristano e Cagliari, dei “fantasardi” demenziali e miserabili in cui le donne trascinavano il carico di responsabilità e lavoro e i bambini, già vecchi nella violazione e saggezza, erano piccoli eroi sommamente comici nell’inventare modi per non impazzire. La sola idea di poter finalmente usare in scena il gergo inventivo e sintetico con cui avevo parlato anch’io mi elettrizzava. Mi pareva che la sensibilità di Atzeni avesse intercettato un bisogno a lungo covato in Sardegna: non solo mettere finalmente in scena la “Commedia Umana” delle periferie campidanesi più degradate, ma sfilare la comicità al teatro amatoriale, al cabaret, al bar, alla strada restituendo, in uno specchio deformato e drammatico, l’autenticità di un popolo ben al di la della cronaca.

C’è ancora Sergio Atzeni nei tuoi lavori futuri?

Ho scritto alcune canzoni ispirate ai suoi testi per “Podology”, titolo del nuovo concerto e prossimo cd col pianista Natalio Mangalavite. Il prossimo agosto faremo tre date in Sardegna al Time in Jazz di Paolo Fresu.

Pier Giorgio Serra

 

Raimondo Carta Raspi: storico, editore e organizzatore culturale negli anni venti del secolo scorso

VENERDI’ 6 febbraio 2015 – Proseguendo nel programma teso a collocare nella giusta luce i personaggi e gli episodi della nostra storia che meriterebbero maggior considerazione da parte dei contemporanei, il CID – Centro di Iniziativa Democratica, organizza un incontro dedicato alla figura di Raimondo Carta Raspi. L’incontro si terrà venerdì 6 febbraio a Cagliari, con inizio alle ore 18, presso i locali di Via Isonzo n.18.

Aprirà la discussione lo storico Luciano Marroccu. Interverranno: Gesuino Muledda dirigente politico; Salvatore Cubeddu storico del Sardismo; Marco Sini ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) di Cagliari.

img458img452884250685162
RAIMONDO CARTA RASPI – Nella Sardegna dei primi decenni del novecento, mentre i fascisti operavano con la violenza e la corruzione per spegnere ogni forma di libertà, un giovane di appena trent’anni sceglie l’impresa culturale come strumento di lotta e di riscatto a favore della sua terra e della sua gente. Stampa e diffonde le opere che gli storici e i viaggiatori dell’ottocento avevano dedicato alla nostra Isola, pubblica libri di poesia e opere teatrali, raccoglie attorno a se altre energie e con loro dà vita ad una rivista che per otto anni riesce a sopravvivere nel regime che si è instaurato.E’ difficile trovare nella storia della Sardegna un altro esempio di imprenditore e di intellettuale che si sia adoperato a difendere, con la stessa efficacia, competenza e coraggio le idee di progresso sociale nelle quali credeva.

 

San Sperate: un modello di sviluppo locale

San Sperate

“Si bollu contai una storia chi apu biviu deu a intre de is annus ‘60 e su cumenzu de su ’70…”

Comincia così il racconto che Cenzo Porcu affida al nuovo ciclo delle Ted Conference sarde (TedxViaTirso). In quegli anni – prosegue in un elegante sardo campidanese – alcuni giovani di San Sperate, lui era fra questi, si incontravano di frequente per discutere dei problemi del comune. Si interrogavano sulla loro condizione, sul loro paese e sul futuro. Si domandavano in che modo avrebbero potuto migliorare e far progredire il luogo dove vivevano e a cui si sentivano legati. Volevano renderlo un posto dove valesse ancora la pena vivere. Tra loro c’era Pinuccio Sciola, oggi affermato artista di fama internazionale. E’ Il racconto di una stagione irripetibile, con la nascita del movimento Paese Museo e la lenta ma incessante trasformazione di San Sperate in punto di riferimento artistico, economico e civile per tutta la Sardegna.

Questa esperienza rappresenta un modello di sviluppo locale, basato sull’architettura tradizionale e i prodotti della terra. Un modello che ha avuto nella cultura il suo lievito naturale e dove la cultura è intesa prima di tutto come apprendimento sociale. Dove cioè la conoscenza prima che un’acquisizione dei singoli individui, è un’acquisizione delle comunità. In quest’esperienza si apprende e si lavora insieme e insieme si decide in cosa credere e su cosa concentrarsi. E in forza di ciò si produce innovazione. Questa storia ci dice che gli spazi pubblici vissuti come palestre di vita civile formano alla cittadinanza. Che la cultura è cittadinanza. Oggi di fronte al fallimento di un modello di sfrenato individualismo, di privatizzazione della sfera economica; in una realtà dove le comunità locali sono state progressivamente private del loro potere di decidere cosa produrre e dove la cultura è vista per lo più come intrattenimento a pagamento, la vicenda di San Sperate è lì a dirci che un altro modo è possibile.