Mia figlia andrà alle medie!!

Pubblichiamo molto volentieri la riflessione di Marina sul ruolo che le insegnanti della scuola pubblica di Sestu hanno nella formazione e nello sviluppo affettivo e psicologico dei nostri figli. Il passaggio dalle scuole elementari alle scuole medie è spesso un momento in cui questo genere di riflessioni si impone e quasi sempre a muoverlo è un senso di profonda gratitudine.

GaiaPoco tempo fa, “perdendo tempo” come qualche volta mi capita su facebook, mi sono imbattuta nella lettera che Abramo Lincoln scrisse al maestro di suo figlio. Inevitabile è stata la riflessione sul ruolo della scuola e dei maestri e di quanto questi abbiano inciso sulla vita dei miei bambini (su di me i danni son fatti, dunque inutile perdere tempo a rifletterci!!). I miei bambini sono stati scolarizzati dall’età di 6 mesi. Una scelta obbligata, ma forse (anche se non lo ricorderanno!), quella dell’asilo nido, è stata l’esperienza più bella della loro vita. Esperienze di colori, sapori, amicizie, coccole. Bella esperienza anche per noi genitori che, guidati dalle maestre e da una pedagogista, ci siamo evitati mille errori. Poi per Gaia, dopo un’altra esperienza straordinaria alla scuola materna (con Lisa e Dolores), l’arrivo alle elementari. Faticosissimo, inizialmente, il tempo pieno: molto mattiniera, ma già nel primo pomeriggio non capiva più nulla. Mille cose da imparare, tanti compagni nuovi da conoscere. In questi 5 anni Gaia ha viaggiato guidata da Erica e Laura. Assieme ai suoi splendidi compagni ha attraversato lo spazio e il tempo. Ha conosciuto eroi, imperatori e ribelli, percorso oceani e fiumi, scalato montagne e solcato mari. Ha imparato a contare e a giocare con le figure (calcolo della superfici laterali? ma che diavolo era?). Ha scoperto le meraviglie del corpo umano e la magia della scienza. Ma questo viaggio è stato molto più di tutto questo. Sorprendente per lei è stato scoprire se stessa e le sue capacità, realizzare che tutto si affronta e che poi si esce più forti di prima. Perché, anche quando le doppie e le acca sembrano un’incubo, quando i conti non tornano o le parole non escono come dovrebbero, nessuno ha mai dubitato di lei e del suo valore. Mai, da parte delle sue guide, ha sentito una parola fuori luogo che potesse crearle un disagio. Sempre le sono state d’aiuto. Presenti nelle difficoltà con incoraggiamenti continui, ogni giorno, in tutti questi 5 anni. Ma queste due infaticabili guide non si sono fermate qui. Col gioco delle regole e della convivenza hanno fatto scoprire a tutti i compagni di viaggio che pur essendo diversi (alcuni timidi, altri vivaci, dalla battuta facile…) erano allo stesso modo unici e importanti. Grazie a loro i nostri bambini hanno capito quanto sia bello far parte di un gruppo.

Se non avessi avuto, qualche anno dopo, un’esperienza negativa col mio secondogenito, forse non mi sarei mai soffermata a riflettere su quanto prezioso e importante sia stato invece il percorso fatto da Gaia. Ma l’ho avuta, questa esperienza, per cui, maestre Erica e Laura, non posso che dirvi: grazie di cuore!

Marina Pisu

Insegnare italiano all’estero, tra stereotipi e luoghi comuni

Su Sardinia Post qualche giorno fa è apparsa un’intervista a un insegnante della provincia di Cagliari che insegna italiano all’estero (Francia). Accanto ad alcune considerazioni valide universalmente, come ad esempio l’arricchimento che deriva dal fare esperienze di lavoro in altre nazioni e in altri sistemi organizzativi, la docente intervistata metteva a confronto il sistema scolastico italiano con quello francese e faceva alcune valutazioni su come vengono percepiti gli italiani che vivono in Francia. A tanti sardi della mia generazione (che non necessariamente sono cresciuti leggendo Salgari e Verne, come l’intervistata di Sardegna Post) è toccato emigrare all’estero e molti di noi hanno almeno un compagno di classe che si è allontanato dall’isola alla ricerca di lavoro. I racconti che ci fanno questi nostri amici, però, in molti punti non collimano con la rappresentazione offerta dalla docente cagliaritana trapiantata ad Amiens. Carla Cristofoli, una nostra concittadina che da qualche anno vive e insegna italiano a Parigi, ad esempio, avrebbe al riguardo qualcosa da obiettare…

Carla CristoforiCarla, tu l’hai letto Salgari?

Salgari l’ho letto vent’anni fa. Di lui mi ricordo che scrisse le favolose avventure che noi conosciamo, nel chiuso del suo studio, Salgari non ha mai viaggiato oltre il mar adriatico. Le sue storie sono il frutto della sua eccezionale fantasia. Viaggiare ci permette di allargare la mente, vero e falso allo stesso tempo. Nella mia esperienza d’emigrazione, che mi ha visto costretta a lasciare la Sardegna prima verso il nord est italiano e poi verso la Francia, ho avuto modo di incontrare altri emigrati, alcuni residenti altrove da trent’anni e che non hanno mai cambiato né il loro stile di vita né il loro modo di pensare. Di contro ho amici che pur non avendo mai lasciato Sestu, con il loro viaggio feriale di 15 giorni all’anno tornano ogni volta migliorati dalla loro esperienza. Sono partiti proprio con questo desiderio.

Stai dicendo che in definitiva per aprire la mente vale più leggere che viaggiare?

Questo è il punto. Certo leggere, conoscere la letteratura o il cinema degli altri popoli è un modo utile per capire la loro cultura e la loro storia, spesso vale molto di più di un viaggio a fini turistici. Attenzione però allo stereotipo, un’arma difficile da utilizzare. Da un lato facilita la comunicazione, dall’altro può ritorcersi contro di noi. E’ il segno a doppio significato. La conoscenza che lo straniero ha dell’Italia è spesso costruita sulle immagini di un tempo che non ci appartiene più (Fellini, Mastroianni, Sofia Loren, la Ferrari, la vespa, aggiungiamo pizza spaghetti e mandolino e abbiamo fatto il quadro), non so neanche dire se ci sia veramente mai appartenuta.

L’insegnante intervistata da Sardinia Post sostiene che all’estero si ha un’idea positiva dell’Italia e della Sardegna. Gli italiani sono considerati eleganti e l’Italia per il mondo è ancora il paese della bellezza e della dolce vita. Puoi dire lo  stesso?

Nel mio lavoro mi sento spesso in dovere di ribaltare una certa visione. Quando i miei alunni, che sono tutti adulti, tornano da me dopo un viaggio a Roma e mi raccontano di quanto la città fosse sporca e difficile da gestire per la scarsità dei mezzi di trasporto e altri mille motivi, mi raccontano una disillusione. Lo stereotipo si ribalta e loro non hanno i mezzi per comprendere questo ribaltamento. Allora devo raccontare loro di quanto siano stati disastrosi gli ultimi anni di amministrazione romana, sento il dovere di raccontare un’altra storia. Non credo che questo tolga fascino a quello che di Roma resta, ma certo aiuta a costruire una visione più completa, fornisce gli strumenti per capire la complessità della realtà italiana. Ribalto con loro lo stereotipo. Se non abbiamo il coraggio di farlo è meglio cambiare mestiere o limitarsi alle strutture morfosintattiche della lingua, che già la sintassi ci obbligherebbe a ben altri ragionamenti.

Quindi in definitiva su tutto si afferma la conoscenza diretta della realtà…

Ciò che voglio dire è che dovremmo smetterla di raccontarci, noi italiani per primi, la favola felliniana della ‘dolce vita’ e cominciare anche a parlare delle storie di vita di Ozpetek, di Paolo Sorrentino, o per dirla al femminile di registe come la Comencini o la Archibugi, artisti che raccontano un’altra storia, quella di un’Italia più vera. Se smettessimo di cantare ‘o sole mio’ o ‘volare e cantare’ forse potremmo cominciare a parlare di Franco Battiato, che è canto morale e spirituale o di Vinicio Capossela o di altri artisti ancora troppo sconosciuti…

A chi stai pensando?

Penso ad esempio a Piero Sidoti, che canta il calvario di tutta una generazione di precari, il Giorgio Gaber della nostra generazione, ma solo pochi ancora lo sanno. E’ arrivato il momento di prendere coscienza della nostra realtà sociale, umana e artistica. Abbiamo tanto da dare e da mostrare, abbiamo risorse attuali che neanche conosciamo e invece è proprio da qui che dovremmo ripartire.

Usi anche la musica per comunicare l’altra Italia ai tuoi studenti?

Si, l’ultima lezione li faccio cantare. Il tema è ovviamente l’addio e dunque ‘Arrivederci amore ciao’ di Paolo Conte. Parlo di Caterina Caselli una delle poche donne del Beat italiano, si parla del boom economico e dei contrasti generazionali degli anni ’60, ma poi propongo la versione di Battiato perché la preferisco. E per chiudere in assoluta bellezza ‘O bella ciao’, ma parto dalle proteste delle Mondine all’inizio del secolo e poi qualche parola sulla Resistenza italiana e di come il canto è stato ripreso dai partigiani. Mi piace la versione dei Modena City Ramblers. Dall’anno scorso non dimentico di sottolineare che Francois Hollande ha scelto il canto popolare dei partigiani dell’Emilia-Romagna per concludere un suo discorso in occasione delle elezioni presidenziali 2012, tra gli applausi della folla.

A proposito di precari, fino a che punto si può dire – tornando all’intervista di Sardinia Post – che “un insegnante serio non può permettersi la noia”? Quando la realtà spesso sottaciuta invece è quella di una categoria di insegnanti, non solo precari, che si trova oggi sulla soglia della povertà (si legga Il volto dimenticato della crisi, Repubblica 02/06/2013). Per i quali non solo è diventato impossibile viaggiare ma anche comprarsi libri, andare a teatro o al cinema. Ai quali, insomma, sta mancando il nutrimento culturale e stanno venendo meno gli stimoli necessari a svolgere al meglio una professione intellettuale come è quella dell’insegnante.

Non conosco lavoro in cui nel suo essere routinario ad un certo punto non ci si annoii, mi sembra umano. Un insegnante, serio o meno che sia, non capisco cosa la collega voglia intendere, non solo si annoia, ma anche si dispera. Si dispera perché è infinito il percorso che porta dal precariato alla stabilità, perché forte è il carico di cui è investito dalla scuola dalle famiglia dalla società, si dispera perché è spesso solo, perché il sistema scuola troppo spesso non fornisce tutti gli strumenti necessarii a svolgere al meglio il lavoro, sebbene lo chieda e lo pretenda.

Un ultima domanda. E’ meglio o peggio insegnare italiano all’estero?

Non ho mai insegnato nella scuola pubblica francese, non posso dunque farti un paragone. Io lavoro nel sistema della formazione continua agli adulti, sono una libera professionista, fatturo e vengo pagata per le ore di formazione che svolgo in azienda. Questo è il nuovo dispositivo di lavoro europeo, tutto il mondo è paese, tanto per usare un altro stereotipo. Ti posso dire che mi piace insegnare l’italiano come lingua straniera, è per me un punto di vista nuovo. Mi piace in questo tipo d’insegnamento lo scambio di punti di vista, l’incontro di culture diverse. La considero un’evoluzione nella mia carriera d’insegnante e anche nella mia formazione personale ed umana. Faccio il meglio che posso, ma lo confesso, a volte mi annoio, capita.

Sandra Mereu

A scuola di bici

Progetto BiciNella Scuola primaria “Anna Frank” di Sestu è partito un corso di educazione all’uso della bici rivolto agli alunni di tutte le classi. Il corso fa parte di uno dei due progetti di sperimentazione didattica finanziati dal comune di Sestu per tramite dell’ assessorato alla cultura e alla pubblica istruzione guidato da Roberto Bullita, ma ben si concilia con la più generale politica di promozione della mobilità sostenibile portata avanti dall’amministrazione.

A molti di noi 40/50enni, cresciuti praticamente in sella a una bicicletta, il fatto che ai nostri figli e nipoti serva addirittura un corso per incoraggiarli ad usare uno dei più divertenti mezzi di trasporto che sia mai stato inventato, suona effettivamente un po’ strano. Ma è sotto gli occhi di tutti che i bambini di oggi non solo non vanno in bici ma nemmeno a piedi e vengono accompagnati dappertutto in macchina dai loro genitori. Un’abitudine che viene giustificata dagli adulti con l’aumento dei pericoli e del traffico sulle strade ma che in realtà solo in parte ha fondate ragioni di esistere.

In un recente studio dell’Istc-Cnr promosso dal Policy Studies Institute di Londra — un’indagine che riguarda 15 Paesi del mondo, tra cui Italia e Germania — è emerso che l’autonomia di spostamento dei bambini italiani nell’andare a scuola è passata dall’11% nel 2002 al 7% nel 2010. Per fornire un metro di paragone l’autonomia dei bimbi inglesi è al 41% e quella dei tedeschi al 40%. Non risulta però che nelle nazioni europee dove i bambini vanno a scuola da soli ci siano meno pericoli, meno criminalità, mentre c’è motivo di credere che l’aumento del traffico nelle strade sia legato non poco alla scelta dei genitori di accompagnare i figli a scuola, in palestra, dagli amici e in ogni dove in macchina.

Anche a Sestu la situazione negli ultimi anni ha toccando livelli parossistici, con i genitori che pretendono di accompagnare i figli fin dentro l’aula in auto, macchine in doppia fila negli orari di ingresso e uscita, bambini che rischiano di essere travolti di fronte al portone della scuola, a cui si aggiungono le dosi massicce di smog che siamo tutti costretti a respirare. Ci troviamo insomma di fronte a un circolo vizioso che è bene spezzare, fornendo ai bambini alcuni strumenti per utilizzare la bici con maggiore sicurezza e contestualmente togliendo ai genitori qualcuno degli alibi dietro cui spesso si nascondono per assecondare le loro ansie e insicurezze.

Uno degli obiettivi del corso organizzato dalla scuola primaria “Anna Frank” è appunto quello di suggerire ai bambini nell’immediato una possibilità di autonomia negli spostamenti, che possa poi nel tempo sedimentarsi come sana abitudine su cui far leva per il futuro come possibile alternativa all’uso dell’auto privata. Attraverso questo corso, tenuto dagli esperti di “Città Ciclabile – FIAB” di Cagliari, i bambini apprendono le regole del codice della strada, con particolare attenzione ai segnali dedicati alla bicicletta, e nello stesso tempo imparano a prendersi cura della loro bici e a farne la manutenzione ordinaria. Il tutto attraverso lezioni e laboratori in aula, accompagnate da uscite in bici per esplorare il mondo esterno e misurare le capacità acquisite. Alla fine del corso verrà rilasciato il “patentino del ciclista”.

Sandra Mereu

L’orchestra della scuola media di Sestu partecipa al concorso di Roma: prima classificata!

L’orchestra della Scuola media “A. Gramsci” di Sestu, formata dagli alunni che frequentano l’Indirizzo Musicale, quest’anno ha partecipato al 6° Concorso musicale nazionale Musica e Cinema di Roma. Fatto tesoro dell’esperienza maturata al concorso dello scorso anno (dove si erano classificati tra i primi cinque), approfondito lo studio dello strumento e della musica d’insieme, superata la timidezza iniziale, i nostri ragazzi ieri hanno sbaragliato i pur bravissimi concorrenti provenienti da scuole di tutta Italia, guadagnando 100 voti su 100 e il primo premio assoluto. Un risultato che ci rende tutti orgogliosi ma che non sarebbe stato possibile senza il sostegno dei genitori, delle istituzioni e di tanti altri che hanno creduto in questi ragazzi e hanno dato loro la possibilità di vivere un’emozionante e nondimeno formativa esperienza. E in questo generale impegno, un ruolo particolare hanno avuto i docenti di musica (Valentina Trincas, Barbara Sarigu, Monica Melis e Cristian Carboni) che li hanno preparati con competenza e passione, l’Amministrazione comunale e lo sponsor privato che hanno contribuito a finanziare le spese del viaggio. Sono segnali importanti di protezione e fiducia da parte degli adulti verso i giovani che, nel momento in cui dalle cronache di queste ore provengono ben diversi e inquietanti messaggi, acquistano un valore ancora più forte.  (S. M.)