Con l’ignoranza non si mangia!

Cagliari_ 6giug14C’è chi pensa, purtroppo anche tra i politici che ci governano, che il problema della dispersione scolastica in Sardegna e quindi della disoccupazione, si debba affrontare rinforzando il sistema della formazione professionale. Perché – dice chi la pensa così – è “meglio uno spazzino felice che un avvocato frustrato”. Coerente con queste teorie la convinzione che ci sarebbero in Italia, e in Sardegna, troppi laureati e per di più male assortiti a causa di un sistema universitario che si ostina a sfornare lavoratori non richiesti dal mercato. Convinzioni del genere risentono evidentemente di una lettura superficiale della realtà che scambia le cause con gli effetti. E per di più, non riuscendo a individuare il problema alla radice, analisi di questo tipo contribuiscono, nelle soluzioni che propongono, a cristallizzare le inaccettabili diseguaglianze sociali che delle vere cause sono oggi il portato più drammatico.

Per rendersene conto basta leggere l’ultimo libro di Giovanni Solimine (Senza sapere. Il costo dell’ignoranza in Italia, Laterza 2014). “Se il mancato assorbimento dei nostri laureati – scrive Solimine a pg. 14 – dipendesse soltanto da una loro insufficiente preparazione, le aziende si dovrebbero affrettare a investire nella formazione e nell’aggiornamento dei propri dipendenti o potrebbero cercare manodopera qualificata all’estero, invece ciò non avviene”. solimineSe dunque fosse sufficiente attivare corsi professionali per formare “felici” operai specializzati, non si capirebbe perché il 31% dei nostri laureati in ingegneria ha trovato occupazione all’estero e il numero degli occupati nel settori più innovativi, è molto limitato (poco più del 3%) e tende progressivamente a diminuire (mentre nel resto d’Europa cresce).

A Cagliari, lo scorso 6 giugno, nella Biblioteca regionale, Giovanni Solimine – sollecitato dalle argute domande del giornalista Celestino Tabasso – ha avuto modo di argomentare e contestualizzare le sue teorie. In Italia – ha detto – non esiste più un apparato industriale (non c’è più l’industria chimica, né l’industria automobilistica). La nostra economia si regge ormai quasi esclusivamente su un tessuto di piccole e medie imprese che non investe in innovazione e non sembra avere bisogno di competenze. Non riusciamo ad assorbire quei pochi diplomati e laureati che abbiamo (un numero di gran lunga inferiore a quello dell’area Ocse e dell’Europa); facciamo emigrare quelli più specializzati e non abbiamo nessuna attrattiva verso le persone competenti di altre nazioni.

Così facendo stiamo accumulando un enorme ritardo e costruendo le condizioni per uscire dal novero dei paesi più ricchi e avanzati. Perché ciò accade? Secondo Solimine il paradosso italiano è da mettere in relazione con la povertà intellettuale della nostra classe dirigente. “Metà dei manager, imprenditori, professionisti – ha dichiarato, snocciolando i dati più aggiornati – non legge i giornali, non legge libri non va mai a teatro. Sono cioè persone con consumi culturali basici, assolutamente non paragonabili a quelli dei loro omologhi dei paesi avanzati”. Va da sé che una classe dirigente di questo tipo non è in grado di capire quanto sia importante l’investimento in capitale umano, l’unica risorsa di cui ormai disponiamo in Italia. Il successo degli imprenditori italiani – secondo Solimine – è dovuto, più che alle competenze, alle relazioni familiari e ad altri fattori che poco hanno a che vedere con la conoscenza e la cultura. “Così se in passato abbiamo pensato che si potesse fare a meno delle competenze – ha chiosato – oggi scopriamo che i cinesi sono più furbi di noi…”.

Parafrasando don Milani si potrebbe dire che nell’Italia di oggi i padroni conoscono un numero di parole appena superiore a quelle di un operaio e per di più, nel suo complesso, il livello generale di acculturamento della popolazione è basso. Lo dicono chiaramente gli ultimi dati sulla lettura. La percentuale degli italiani che ha letto almeno un libro l’anno, già preoccupante di per sé, è scesa quest’anno di 3 punti percentuali (dal 46 al 43%). Un dato che deve far riflettere perché – scrive Solimine a pg. 10 del suo libro – “la capacità di leggere e di comprendere ciò che si legge rimane lo strumento principale attraverso il quale gli individui alimentano le proprie conoscenze”. Dopo 20 anni di disinvestimenti in cultura e istruzione – ha osservato Solimine – il risultato non poteva essere diverso.  Ma se queste sono le cause del male – ha commentato a sua volta Celestino Tabasso – le cure che vengono proposte soprattutto in Sardegna, terra di dispersione scolastica, sono di tipo omeopatico. Assolutamente inadeguate a curare  una sindrome che mina le basi stesse della società.

Di sicuro non risolvono il problema alla radice impostazioni basate su quell’insopportabile teoria che considera la cultura, i beni culturali, il petrolio della nazione. Il petrolio – ha precisato Solimine – è una cosa ben diversa dalla cultura. Per fortuna negli ultimi tempi al credo dominante, incentrato sulla monetizzazione della cultura, si sta contrapponendo un altro modo di vedere le cose. In quest’ottica Martha Nussbaum ha scritto un meraviglioso libro intitolato “Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica”. Da leggere anche il non meno illuminante “L’utilità dell’inutile” di Nuccio Ordine. Investire in conoscenza serve a migliorare il livello di convivenza e di coesione sociale e crea le condizioni favorevoli a innescare processi di innovazione. Dobbiamo farlo, a prescindere. Dopo di che possiamo anche dire – ha continuato Solimine – che investire in conoscenza conviene perché costa poco. Spendiamo in Cultura lo 0,16% del bilancio dello Stato. Ostinarsi a tagliare dunque serve a poco, non ne avremo risparmi particolarmente significativi. Sono altri i settori su cui bisognerebbe tagliare. “Proviamo invece a immaginare – ha quindi suggerito – cosa succederebbe se dallo 0,16% passassimo allo 0,32%. Come cambierebbe la vita nelle nostre comunità se a un direttore di biblioteca, a un direttore di museo, a un direttore di una scuola noi dessimo il doppio dei soldi”.

Solimine2Allo stesso modo, non si combatte efficacemente il fenomeno della dispersione scolastica con corsi professionali e forse neanche con corsi extrascolastici mirati. Per Solimine il problema si cura provando a immaginare modi diversi di fare scuola. Quelli attuali appaiono molto lontani da ciò che può interessare e incuriosire un ragazzo. Nella scuola immaginata da Solimine la lettura acquista assoluta centralità. Diventa pratica educativa, un modo di fare lezione in tutte le materie e non invece, come è ora, qualcosa da fare a casa o relegare nel tempo libero.

Ciò che serve veramente all’Italia di oggi sono politiche complementari. Scrive Solimine – e noi siamo d’accordo con lui! – che “una politica per l’istruzione e le competenze deve raccordarsi a una politica industriale, nel quadro di una strategia più ampia” (pg. 15).

Sandra Mereu

Gara poetica svoltasi a Sestu il 23.4.1930 – Commento al 3° giro e dialogo sulla “COBERTANTZA” di Vittoriano Pili

Il ritrovamento di un libretto nel fondo Sardegna della Biblioteca regionale, contenente il testo di una celebre cantada campidanesa svoltasi a Sestu nell’aprile di 84 anni fa, in piena epoca fascista, ha offerto a Vittoriano Pili l’occasione per scrivere una serie di interessanti e dotti articoli sull’argomento (Cun scannus e cadiras o banghittusIl libretto ritrovato, Analisi del testo, 1° giro, Analisi del testo, 2 e 3° giro). Seguendo il filo della memoria storica e personale ci ha spiegato la complessa struttura dei componimenti, il repertorio di temi e motivi da cui attingevano i cantadores, e quindi il valore letterario di una delle più antiche espressioni della poesia popolare sarda, erroneamente ritenuta rozza e priva di valenza poetica. Con il commento al terzo giro poetico e con la successiva rievocazione di un dialogo con il compianto poeta sestese Tomaso Cara, si conclude il discorso sviluppato sul tema da Vittoriano Pili. Su questo blog ve lo abbiamo presentato in capitoli separati ma esso era stato pensato dal suo autore come un corpo di scritti unitario intitolato Cantadas a Sestu, lingua, politica e religione”. 

3° GIRO POETICO: AMORI – SANTIDADI – GHERRA – PAXI.

Pasquale Loddo porge all’attento popolo sestese un delicato canto d’amore. Lei si chiama Speranza ed ha gli occhi e la grazia di un angelo mandato dal cielo per far sospirare il suo cuore. Il poeta non è del tutto convincente, ma piace questo mutetu a 8 peis, specie ai giovani che stanno preparando la “domanda” per la loro “Speranza”. Nella Rima invita gli altri poeti in gara ad ampliare il volo sui quattro punti cardinali.

Francesco Farci ricorda invece la santità di Gregorio I detto anche Magno. Un Papa famoso per aver edificato ben 7 conventi. Poiché il “dotto” Farci ci ricorda anche l’anno della sua morte, il 604 (esatto), siamo disposti a credere anche al resto, Preidi Sanna presente consentendo. Nella torrada de su mutetu a 8 peis l’andirivieni delle rondinelle è paragonato al volo dei pensieri dei poeti.

Efisio Loni interviene con un mutetu sèmpiri a 8 peis, ma con la sterrina che descrive abbastanza fedelmente una scena di guerra. Ricorda l’ultima battaglia contro s’Austriàcu che, sconfitto, è costretto ad arrendersi. Motivo ancora caro ai poeti ed al popolo (specie quello d’Eroi). Nella torrada, invece, chiede a se stesso ed ai suoi compagni che cosa possano mai fare, se non restare in attesa del ritorno delle colombe mandate in volo.

Luigi Taccori, il poeta di Sestu emigrato a Dolianova, chiude il 3° giro, a sorpresa, con un mutetu a 10 peis (ma ne ho trovato persino di 20), che riporta – udite, udite – una notizia che da un anno a questa a parte suscita (ancora) un gran clamore: il Concordato tra Stato (fascista) e Chiesa (cattolica) firmato (l’11 Febbraio 1929) dal Ministro Mussolini (per il Re Vittorio Emanuele III) e dal Cardinale Gasparri (per il Papa Pio XI). I due “non si camorrano” e il fatto resti “memorando” per una pace duratura (“infinita”). È una parola grossa. Comunque, sia pure con qualche ritocchino di craxiana memoria, ancor dura. Nella torrada il nostro Taccori considera già un trionfo il ritorno delle colombe al punto di partenza. Concordiamo. Quasi.

***

POESIA E VERITÀ – IN COBERTANTZA

gara_poetica_8

Venne a trovarmi Tomaso, una sera di tanti anni fa. Sereno, come sempre. Pochi convenevoli, come s’usa tra vecchi amici. Era d’estate. Si alzò e si sfilò dal colletto della maglia leggera, frugando con la mano nel petto, una busta azzurrina che posò sul tavolo, prima di sedersi: «Ti piace ancora la poesia? – apriva la busta – Quella sarda, dico». Aveva sparso sul tavolo tre o quattro libretti sgualciti ed un quaderno a righe (per la Va elementare) con la copertina nera lucida. «Certo – risposi –, ma è un po’ che non viene a trovarmi». Mi guardò severo: «Siamo noi che dobbiamo cercarla, se la vogliamo incontrare. Vedi, in questi libretti ci sono dei versi di vari uomini che amavano così tanto la poesia da volerla come professione. Loro aspiravano ad essere poeti. C’è chi vende musica e chi vende parole, chi vende erba e chi vende carne. In questo quaderno invece non c’è scritto niente. Facciamo così, come loro, scegliamo un argomento, un titolo, “un fine” ben accetto a noi due e lo cantiamo, cioè lo scriviamo, prima tu o prima io, in un sonetto, sul quaderno. Lo conosci il Padre nostro in Sardo? Ti va di metterlo in poesia?». L’idea mi piaceva: «Su Babbu nostu? Benissimo, però inizia tu, Tomaso». Fu così che accettai la sfida, chiedendogli: «E chi è che perde?». Allargò le mani grandi: «Perde chi si ritira». Disse. E fu così che mi permise di sporcargli qualche pagina di quel suo prezioso quaderno a righe. E vinse, anche. Quindi aprì un libretto dalla copertina grigia con la scritta GARA POETICA, gemello, credo, di questo appena “ritrovato” dalla più che attenta e gentile, abilla e donosa, Sandra Mereu«Leggi Loddo al n. 21 (sesto giro) e spiegami questo mutetu». Conoscevo questa cantada, famosa ed esemplare, benché grondante di “licenze” linguistiche, ortografiche e tipografiche, ma sapevo che con Tomaso c’era sempre da imparare sulla poesia sarda. Non era mai salito sul palco, ma era un cantadori di rispetto. Per me un maestro. Lessi:

21 – Loddo

A dirigibili e Areoplanu

Oi si viagiat in America

Po su Sud e de su Brasili

Si girat sa terra rotonda

Armau de paracaduttu

Comenti fiat Depinedu po fortuna

Girai Asia America e Oceania

E girai tottu su globu terresti

Continuamenti esplorendi

Senza à terra tenni addobu.

Rima

 Su Crobu est ind’una sponda teverica

Picchiendi su Graniu bruttu a Vili Diocresianu.

Espressi quindi il mio parere su questo mutetu a dexi peis: «Per me Loni nella sterrina ha voluto comporre un breve inno al progresso, che specialmente in campo aeronautico effettivamente in quegli anni c’è stato. Era l’orgoglio dell’Italia e del Fascismo. È nominato Depinedo, ma non si può dimenticare Italo Balbo, audacissimo trasvolatore atlantico (nonché volontario del ‘15-‘18, irredentista repubblicano, squadrista, Quadrumviro Marcia su Roma, capo della MVSN nel ‘24, Ministro Aeronautica ‘29-‘33, Crociera Roma-New York-Roma 1934, Maresciallo dell’Aria e Governatore della Libia, più fascista di Mussolini ma contrario alla politica filo-tedesca ed alle leggi razziali, morì per un tragico errore della nostra contraerea sul cielo di Tobruch, nel 1940). Nella Rima, o meglio Torrada, ritorna su fini, argomento o tema proposto nella gara poetica. Il Corvo su una sponda del Tevere becca l’orrido cranio del vile Diocleziano (l’imperatore romano)». Tomaso ascolta, ma dissente: «Queste sono le parole, cantate e scritte, in poesia, in figura e in rima. Io voglio sapere quello che intende dire veramente il poeta, come si dice, fuor di metafora». Ho capito. Tomaso vuole l’interpretazione del sogno, la verità implicita nella profezia. Resto pensieroso. In Sardo molti usano la parola cobertantza come sinonimo di Torrada, cioè la Rima, la parte che chiude il mutetu dopo sa Sterrina. Se questa è la “stesura”, la cobertantza è la “copertura” o “chiusura”. Significa però anche “metafora” e “allegoria”, che sono la veste usuale del poetare sardo, come delle sentenze e dei proverbi. Si dice in cobertantza per “velatamente”. Tomaso mi viene incontro: «Tra gli appassionati delle gare poetiche sta girando questa interpretazione: il Corvo (che ha fama e fame di morte) si trova oltre Tevere, a Roma, dove becca insistentemente il cranio orribile del vile imperatore Diocleziano del tempo (1930), cioè Benito Mussolini. Si dice anche che Loddo, sceso dal palco, sia stato convocato in caserma per spiegazioni. Tu che ne dici?». Abbiamo discusso di molte cose, Tomaso ed io. Di religione e di politica, di pace e di guerra, di povertà e di ricchezza, di vita e di morte. Cercavamo la verità, assieme, senza inganni e senza paure. Ora mi sentivo più tranquillo: «Sinceramente questa interpretazione mi pare più un artificio di matrice politica tardiva di qualche decennio, piuttosto che una cobertantza finalmente svelata. La sterrina di Loddo, come tante altre di Taccori, di Loni e di Farci, si può considerare almeno in buona sintonia con lo spirito del regime fascista, se non anche di plauso. Che la Torrada o Rima uscisse in contraddizione fuori dal seminato sarebbe strano. E, fatto più grave, contro ogni regola della poesia sarda nelle “gare”, che perdesse di vista il tema preposto, su fini, affidato dal comitato dei festeggiamenti proprio a Loddo. Fini che riguardava la figura di san Giorgio Martire, come sarà rivelato al pubblico da tutti i quattro poeti nell’ultimo giro. Che c’entra Mussolini e a che proposito una tale cobertantza di carattere politico su un palco di poesia popolare allestito per la festa del santo patrono? L’interpretazione data non sta in piedi, come la convocazione in caserma… O no?». Tomaso sorride : «La poesia è fatta di parole e di pensieri che volano e a volte ti sfuggono, convieni?». Il ferro è caldo: «Si, ma la verità c’è, anche nella poesia» e «Quale sarebbe?». Riprendo il libretto e leggo: «Su Crobu a vili Diocresianu. Il carnivoro nero demoniaco affamato che ossessiona il crudele imperatore romano per mettere a morte i tanti martiri cristiani, come il nostro S. Giorgio». Tomaso consente: «Può sfuggire anche la verità, alle volte». Parlammo ancora di poesia, con rima e senza rima. E dissentimmo ancora: «Hai ragione tu», «No, hai ragione tu». Basciu e contra. È stato bello cantare insieme, Tomaso.

Vittoriano Pili