Divagazioni intorno alla chiesa del SS. Salvatore a Sestu (II parte)

Il desiderio di acquisire ulteriori conoscenze sulla Chiesa del SS. Salvatore è riemerso con prepotenza quando ho scelto il mio paese natale come luogo di residenza. Sicché per soddisfare quella curiosità, rimasta in parte e a lungo inappagata, mi sono dedicato a nuove ricerche. Ma come talvolta mi accade, mi sono un po’ allontanato dall’oggetto iniziale della mia curiosità…

orme-1

Graffitti medievali nella chiesa del SS. Salvatore di Sestu

Sulla Chiesa del SS. Salvatore di Sestu ho trovato molte informazioni. Di fondamentale importanza si è rivelata la tesi di laurea di Lucia Siddi, intitolata “Il San Salvatore di Sestu e la Santa Mariedda di Senorbì. Contributo all’architettura medioevale in Sardegna” (sostenuta nell’Anno Accademico 1977/78). Un lavoro ricco di considerazioni di carattere storico e di giudizi estetici e valoriali che hanno avuto il merito di arricchire notevolmente la letteratura sul “romanico” in Sardegna e sulla chiesa di SS. Salvatore di Sestu in particolare. Nondimeno ho trovato interessanti i numerosi lavori che l’ accademico, buon’anima, Roberto Coroneo ha dedicato a questo monumenot.  Su questa chiesa hanno poi scritto gli  studiosi locali Vittoriano Pili, Franco Secci e Luisella Pili, le cui ricerche sono state per lo più pubblicate sul giornale locale “L’occhio del Cittadino.

Leggendo e ricercando, ad un certo punto la mia attenzione si è soffermata su un articolo di Ignazio Grecu intitolato Le “orme” dei Pellegrini nelle Chiese della Sardegna Medioevale. Questo autore sostiene che in Sardegna sono state individuate “orme” nel paramento murario di 14  chiese medioevali”. Tra queste vi è anche la chiesa dedicata al SS. Salvatore di Sestu. Questa notizia ha rappresentato per me una vera scoperta – anzi, direi una bella scoperta! Diversi studiosi avevano fatto riferimento ai graffiti della facciata del SS. Salvatore, ma nessuno prima del Grecu li aveva collegati alle orme dei pellegrini. A quel punto era impossibile non approfondire.

Nel tentativo di individuare il periodo in cui potrebbe aver avuto inizio in Sardegna la pratica di incidere “orme” sul paramento delle chiese, Grecu avanza l’ipotesi che  “la loro presenza in un numero di chiese relativamente esiguo, (per di più) databile in un arco temporale molto ristretto, possa costituire un valido argomento per ipotizzarne la (loro) realizzazione in tempi non molto discosti da quelli di impianto e costruzione, dunque nei secoli medioevali”.  Il paramento murario in cui sono incise risalirebbe, secondo Grecu, al primo quarto del XII secolo. Alle stesse conclusioni, bisogna ricordarlo, era arrivato anche Vittoriano Pili. E c’è ragione di credere che la notizia sia fondata in quanto quello è il secolo in cui si svolsero le crociate e quindi il periodo in cui decollò e si diffuse massicciamente la pratica del pellegrinaggio.

Per inquadrare il fenomeno nel contesto del medioevo sardo, può essere utile richiamare alcuni passaggi di “I santuari: finestre sull’infinito e sulla storia delle genti sarde” di Tonino Cabitzosu. Scrive Cabizzosu che nei secoli XI e XII la civiltà sarda registrò una fioritura di chiese romanico-pisane, intorno a cui si sviluppò la pietà popolare, irradiando promozione umana e spirituale. La committenza di queste chiese-santuario è da attribuire all’autorità laica, ai giudici, che lavorarono in sintonia con quella religiosa.  E più oltre precisa che numerosi pellegrini nel corso dei secoli, hanno lasciato traccia del loro pellegrinare di santuario in santuario incidendo sui conci le impronte dei sandali. Fornisce quindi alcuni dati sulla diffusione del fenomeno, sostenendo che il territorio in cui si registra il maggior numero di orme è il Giudicato di Torres con 50, 4 in quello di Gallura, 35 in quello di Cagliari e 33 in quello di Arborea.

Dal canto suo il Grecu, procedendo alla descrizione delle orme della chiesa del SS. Salvatore di Sestu, precisa che le stesse sono insolitamente graffite in conci posti all’interno dell’edificio, più esattamente in prossimità dei tre portali e alla base dei pilastri da cui nascono le prime arcate dei setti divisori. Secondo una prassi consolidata questo genere di segni venivano generlamente tracciati all’esterno. Coloro decidevano di lasciali erano infatti viaggiatori e come accade ai viaggiatori di tutte le epoche (accade anche oggi!), spinti dal desiderio di lasciare una traccia indelebile del loro passaggio in quei particolari luoghi, incidevano graffiti simbolici in punti ben visibili ed accessibili a chiunque.

orme-iiIl Grecu ritiene che le orme tracciate nella chiesa del SS. Salvatore siano state realizzate mediante la pratica di piccoli fori eseguiti in successione, oppure tracciate con una punta molto fine. Nella parte conclusiva del suo articolo l’autore riporta una serie di tavole in cui sono riprodotte le forme delle orme tracciate dai pellegrini, nonché le loro varianti . Dal raffronto con esse, le orme del SS. Salvatore di Sestu possono essere ascritte a tipologie diverse. Non è dunque possibile attribuire ad esse un significato preciso.

Dall’attento esame del Grecu emerge però un altro particolare, a mio parere molto interessante. Egli rileva infatti che in facciata, i cinque filari di conci con decoro geometrico possono rimandare a simboli legati al viaggio e alla pratica del pellegrinaggio. Ciò mi ha fatto pensare che coloro i quali hanno eseguito quei graffiti si proponessero non solo di lasciare un segno del loro passaggio ma anche di rassicurare gli altri pellegrini del fatto che si trovavano sulla strada giusta. In questo senso le orme graffite nei muri fungevano da segnaletica stradale per indirizzare correttamente i pellegrini nel loro cammino.

Se questa mia ipotesi non è del tutto stramba, allora è credibile che la chiesa del SS. Salvatore fosse collegata agli itinerari dei pellegrini dell’epoca. Che l’ipotesi non sia del tutto “peregrina” (perdonatemi il gioco di parole) è avvallato dal fatto che i graffiti individuati nei cinque conci della facciata si possono ricollegare ai simboli medievali legati al viaggio e alla pratica del pellegrinaggio.

A questo proposito ritengo di rilevante importanza le considerazioni avanzate dal Frau. Scrive quest’ultimo che “a Sestu, la chiesa campestre di San Gemiliano… (oggi) non presenta tracce di orme graffite, forse (perché sono andate) perdute con l’addossamento di ambienti seicenteschi al fianco nord e del portico cinquecentesco alla facciata”, per la protezione dei pellegrini.

Orme dello stesso tipo sono presenti nella chiesa di San Lussorio di Selargius, incise in alcuni conci del portale laterale della chiesa. Lo sostiene Giampietro Dore nel suo libro “Sulle orme dei pellegrini”.  Il Dore fa presente che sempre a Selargius, nell’area del portico antistante la chiesa di San Giuliano, e stata rinvenuta una placchetta di piombo, datata al XII-XV secolo, raffigurante i santi Pietro e Paolo. Suppone l’autore che quella placchetta – che insieme alla chiave era il simbolo che  contraddistingueva i pellegrini diretti a Roma – sia stata ripostata da un pellegrino o da un commerciante.

Dunque, seppure non esiste prova certa di quanto sostenuto da Frau a proposito dell’esistenza di orme nella chiesa di San Gemiliano, tutta una serie di altri indizi lasciano credere che la notizia sia fondata. E’ infatti verosimile che la chiesa di san Gemiliano, insieme a quella del SS. Salvatore nel territorio di Sestu, da un lato, e la chiesa di San Lussorio a Selargius, dall’altro lato, fossero meta di pellegrinaggio all’interno di un itinerario il cui termine ultimo poteva essere il Porto di Palma, dove esisteva una chiesetta dedicata alla Madonna, oppure Portu Gruttu dove i pellegrini si imbarcavano per raggiungere il Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Pinotto Mura

Divagazioni intorno alla Chiesa del SS. Salvatore di Sestu (I parte)

Quando da bambino venivo a Sestu a trovare i parenti e soprattutto il nonno Antonio, la cui casa in Via Nuova era molto prossima alla Chiesa del SS. Salvatore, provavo grande attrazione per quel monumento. Dai miei ricordi d’infanzia legati a quella chiesa, affiorano soprattutto quelli legati all’altare ligneo, su cui troneggiava la statua del SS. Salvatore. La sua semplicità la rendeva bellissima agli occhi di un bambino e proprio per questo catturava la mia attenzione sopra ogni altro oggetto. (P. M.)

chiesa-ss-salvatore_sestuQualche tempo fa mi sono ritrovato a sostare nella Piazza del SS. Salvatore con un gruppo di persone che abitano o che hanno abitato nel rione conosciuto come “part’ e susu”, cioè la parte del paese situata a nord del Rio Matzeu dove è appunto ubicata la Chiesa del SS. Salvatore.  Ho così approfittato dell’occasione per manifestare il mio dispiacere per il fatto che nella chiesa non fosse più presente l’altare ligneo di cui conservavo un vivido ricordo d’infanzia, insieme al mio disappunto per la sua rimozione senza un plausibile motivo e per il fatto che non fosse noto il luogo della eventuale attuale conservazione.

Mentre mi intrattenevo a discorrere con queste persone, si è avvicinata, per salutarmi, una vecchia amica, anch’ella risiedente nel rione.  La metto a parte delle nostre discussioni e a lei chiedo esplicitamente se per caso fosse al corrente del destino dell’altare ligneo, un tempo conservato nella chiesa. Al che l’amica, seguendo il filo dei suoi personali ricordi, mi dice: “Mi sono sposata in questa chiesa e allora l’altare c’era ancora.  Ho anche un fotografia, scattata proprio davanti all’altare. Se me ne dai il tempo, vado a casa e te la porto”. Detto, fatto. L’ho già fatto personalmente, ma colgo l’occasione per ringraziare anche pubblicamente questa gentile amica, che non ha esitato a soddisfare la mia curiosità mettendomi a disposizione una preziosa testimonianza del passato della chiesa, anche se legata a un momento strettamente personale della sua vita. chiesa-del-ss-salvatore_altare-ligneoDi quell’altare rimane il pannello della parte inferiore che si può ammirare ancora appeso alla parete immediatamente dopo all’ingresso laterale dalla Piazza. Basta osservarlo per intuire quanto fosse bello nel suo complesso il vecchio altare.

Sulla vicenda della rimozione del vecchio altare e della sua eventuale successiva sistemazione, la conversazione con gli amici del rione non ha offerto significativi elementi di conoscenza. Diverse e contraddittorie le versioni al riguardo. Da par mio consideravo che la rimozione dell’altare fosse dipesa dai necessari adeguamenti seguiti alla riforma liturgica prescritta dal Concilio Vaticano II. Come è noto, le trasformazioni più rilevanti hanno riguardato proprio la costruzione di un nuovo altare al fine di permettere al sacerdote, nello spirito della riforma, di celebrare la messa mostrando la faccia ai fedeli.  Ciò ha comportato lo spostamento della sede dell’altare dalla parte destra del presbiterio al centro di esso.

In alcune chiese si è scelto di non demolire l’altare originario e per consentire la celebrazione con la faccia del presidente rivolta verso il popolo, accanto ad esso è stata sistemata una nuova mensa eucaristica, in posizione centrale. Non sempre però i presbitéri presentavano spazi sufficienti per eseguire i prescritti adeguamenti liturgici senza che ne soffrisse la dislocazione dei vari mobili e immobili che obbligatoriamente devono essere presenti in quell’ambiente. Questo fatto mi portava a concludere che proprio le ridotte dimensioni del presbiterio della Chiesa del SS. salvatore potessero aver portato alla rimozione del preesistente altare ligneo. Una grave perdita, a mio parere, ma come sentenzia un antico detto sardo: “cosa fatta est prus forti  de su ferru”.

A questo proposito Franco Secci, nel suo libro “SESTU tra storia, cronaca e immagini”, riferisce che “l’intonaco della volta e l’altare ligneo settecentesco, di nessun  pregio, sono stati rimossi nel 1988, quando si è provveduto al restauro della chiesa”. Notizia interessante ma tutt’altro che convincente ed esaustiva delle mie curiosità. E’ ipotizzabile che il restauro sia stato eseguito sulla base di un progetto della competente Soprintendenza, o da tecnici e operai di provata capacità e di fiducia di quell’Ufficio. Come è stato possibile – mi domando allora – che un altare in legno del Settecento possa essere stato rimosso perché “privo di valore artistico” o meglio perché considerato “di nessun pregio”? Non sono un tecnico dei beni culturali ma  mi permetto di esprimere forti perplessità su simili valutazioni da parte di professionisti del settore della Tutela. E comunque, quand’anche quell’altare fosse stato privo di valori artistici, resta il fatto che si trattava di un manufatto del Settecento e che pertanto possedeva almeno un valore di testimonianza storica.

chiesa-di-ss-salvatore_pannello-altare

Particolare del pannello inferiore che faceva parte dell’altare ligneo del SS. Salvatore

Né gli amici della piazza, né il libro di Franco Secci erano dunque riusciti a chiarire i miei dubbi. Continuavo a domandarmi: quando è stata realizzata la rimozione dell’altare in legno? Chi ha disposto i lavori per la sua esecuzione? E ancora: la rimozione degli ingombri e la ristrutturazione dello spazio ottenuto sono stati eseguiti sulla base di apposito progetto, presentato al giudizio delle competenti Autorità e regolarmente approvato dalle medesime? E soprattutto: dove è stato conservato l’altare rimosso?

Per cercare di trovare le risposte ai miei interrogativi ho allora deciso di portare avanti alcune ricerche iniziate diversi anni fa, quando ho scelto di tornare a vivere nel mio paese natale. Allora, sulla scorta dei ricordi infantili, il bisogno di approfondire la conoscenza della storia del mio paese era emerso con prepotenza. Ho così ripreso a frequentare archivi e biblioteche. La ricerca sulla Chiesa del SS. Salvatore di Sestu è stata lunga e impegnativa ma devo dire che alla fine ha dato i suoi frutti. I documenti raccolti  mi hanno permesso di allargare oltre ogni aspettativa le mie conoscenze sull’argomento. Non vorrei però annoiare troppo i lettori con le mie divagazioni. Per cui, per ora, mi fermo qui.

Pinotto Mura