“Invasioni digitali” nell’archivio comunale di Iglesias.

Sadel Iglesias_Materiali didattici

Iglesias – Materiali didattici (clicca sull’immagine per visualizzare e/o scaricare il pdf)

Nella giornata odierna, in occasione dell’iniziativa “Invasioni Digitali”, eccezionalmente l’archivio storico di Iglesias ha messo in mostra il Breve di Villa Chiesa, l’antico statuto medievale della città. In realtà non è la prima volta che ciò accade perché il comune di Iglesias, ottemperando a una disposizione contenuta nel Breve, ancora oggi lo mostra ai cittadini che lo chiedono. Per tutti gli altri è possibile vederlo in occasione di mostre o per motivi di studio ma anche per semplice diletto, previa motivata richiesta. E poiché i bravi archivisti dell’archivio storico del comune di Iglesias sanno che guardare o fotografare il Breve, limitarsi ad apprezzarlo come oggetto antico, raro e di pregio, non ha di per sé alcun valore culturale, quasi sempre accompagnano l’esposizione di questo importantissimo monumento di pergamena con una spiegazione sul contesto di riferimento (periodo storico, genesi del documento, lingua, scrittura, contenuto, etc.). Il fine ultimo di ogni archivio storico, in quanto istituto culturale, è infatti non solo quello di conservare adeguatamente i documenti per tramandarli alle future generazioni, ma anche di renderli accessibili a tutti al fine di aumentare la conoscenza dei cittadini. Un fine, quest’ultimo, che nella nostra Costituzione è riassunto nel concetto di “sviluppo della cultura”.

Non saprei dire se gli obiettivi che si prefigge l’iniziativa “Invasioni Digitali” siano coerenti con il senso profondo dell’articolo 9 della Costituzione. Certo è che il comune di Iglesias non ha avuto bisogno di questa iniziativa per portare avanti – come si legge nel Manifesto del progetto Invasioni Digitali – una politica di “semplificazione delle norme per l’accesso e riuso dei dati dei Beni Culturali”, né ha dovuto attendere lo stimolo dei social network per “incentivarne la digitalizzazione”. Nel 2007 infatti, aderendo al progetto Sadel promosso dalla Regione Sardegna, Iglesias, per tramite della cooperativa La Memoria storica, ha digitalizzato, metadatato, messo in rete una parte consistente del suo archivio antico, Breve di Villa di Chiesa in testa, e così facendo ha favorito “una fruizione del patrimonio culturale priva di confini geografici”. Chi volesse approfondire la conoscenza di questo documento e degli altri ad esso strettamente legati, può dunque farlo liberamente accedendo alla pagina Sadel del sito istituzionale del comune di Iglesias. Qui, accanto alle immagini dei documenti digitalizzati, sono disponibili anche utili materiali didattici che ne favoriscono la comprensione.

Sandra Mereu

GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2012 – “I documenti raccontano. Iglesias tra il XIV e il XIX secolo”

Breve di Villa di Chiesa, Libro IV, capitoli 29-31 sull’apertura delle gallerie delle miniere

Nell’ambito delle Giornate Europee del Patrimonio, gli appuntamenti organizzati in Sardegna sono 71, distribuiti nelle varie province. Tra questi mi piace segnalare la mostra documentaria “I documenti raccontano. Iglesias tra il XIV e il XIX secolo”, organizzata dall’Archivio storico comunale di Iglesias.

La mostra presenta uno spaccato di storia locale dal medioevo all’età contemporanea, considerata dal punto di vista del magistrato civico, l’istituzione municipale che per secoli ha governato l’autonomia cittadina. Iglesias nel periodo preso in considerazione godeva infatti, insieme a Cagliari, Oristano, Bosa, Alghero, Castelsardo e Sassari, dello status di città libera, dotata di propri organi di autogoverno e di un proprio statuto. Dopo la conquista catalano-aragonese dell’isola (1324) Iglesias divenne, fatti salvi gli antichi statuti e privilegi, una città regia, posta cioè sotto la diretta amministrazione del patrimonio della Corona, contrariamente agli altri centri sardi che invece ricadevano sotto la giurisdizione feudale.

Le mostre di beni archivistico-librari in genere sono prive di quelle valenze estetiche che invece caratterizzano i beni artistici, ma anche archeologici, e che sono capaci di per sé di attrarre folle di visitatori nei musei e nei siti. I libri, e più ancora i documenti d’archivio, essendo destinati alla lettura del testo, non sono invece di agevole fruibilità per la maggior parte delle persone, e non godono pertanto dello stesso successo di pubblico. La divulgazione ed esibizione dei documenti per risultare culturalmente produttiva deve essere accompagnata dall’adozione di strategie comunicative capaci di parlare e coinvolgere larghi strati di cittadini. In questa mostra tutti i documenti esposti (pergamene e registri) sono accompagnati da note storiche, pannelli esplicativi e proiezione di slides che ne favoriscono la comprensione.

Fulcro della mostra è il “Breve di Villa di Chiesa”, l’antico statuto comunale della città di Iglesias. Poter visionare direttamente questo codice non è un fatto raro perché il comune ancora oggi continua a rispettare l’antica disposizione contenuta nel Breve per cui lo stesso doveva essere mostrato a chiunque ne facesse richiesta. In tanti hanno avuto quindi l’opportunità di apprezzarlo come oggetto singolo e di coglierne principalmente le sue caratteristiche di pezzo antico, raro e di pregio. Meno consueto è invece vederlo nel contesto dell’archivio. Il merito di questa mostra è appunto quello di aver accostato il Breve a una selezione di documenti originali significativi per la storia della città. Una scelta che fa emergere la sua originaria valenza contenutistica di norma superiore capace di regolare la vita giuridica, economica e sociale della città tra il trecento e il cinquecento, di cui gli altri documenti esposti costituiscono appunto una diretta testimonianza.

Alfonsino d’argento

Il Breve di Villa Chiesa è uno dei codici sardi più studiati per alcune caratteristiche che lo rendono unico nel panorama degli statuti medievali. Il Breve contiene infatti una parte interamente dedicata alle miniere d’argento che caratterizzavano l’economia del territorio. In Europa i pochi codici minerari medievali conosciuti sono generalmente unità singole, mentre nel codice di Villa di Chiesa i capitoli che riguardano le miniere seguono le norme tipiche degli statuti comunali, cioè quelle che definiscono il funzionamento delle istituzioni (primo libro) e quelle che regolano la convivenza civile della popolazione (secondo e terzo libro) e costituiscono con esse un codice unitario.

Il quarto libro del Breve contiene un complesso di norme che nel loro insieme regolamentano tutti gli aspetti dell’attività mineraria: definiscono le forme societarie e di finanziamento per lo sfruttamento dell’attività estrattiva; indicano i luoghi delle coltivazioni minerarie e le diverse tipologie di miniere (canali e bottini); descrivono l’organizzazione del lavoro (maestri e scrivani costituivano il corpo dei dirigenti; picconieri, bulgaiuoli, pestatori, maestri colatori, smiratori e tractatori quello dei tecnici e degli operai). E infine danno indicazioni in merito agli strumenti e alle tecniche di produzione e stabiliscono le funzioni degli ufficiali (maestri del monte e camerlenghi) che sovrintendevano all’intero processo lavorativo, dall’estrazione alla commercializzazione.

Questa mostra nella sua ampia estensione temporale ci racconta di un un passato in cui la città di Iglesias e il suo territorio erano conosciuti nel Mediterraneo per la florida economia, da molti storici considerata una delle ragioni principali che spinse i catalani, con in testa la città di Barcellona, ad impossessarsi dell’isola e ad armare per questo una delle più ingenti spedizioni navali del medioevo. E ci permette, in prospettiva storica, di cogliere l’oggi come il momento conclusivo di una millenaria civiltà del lavoro plasmatasi intorno al mondo delle miniere.

La mostra è visitabile nei locali dell’Archivio Storico del comune, sito in Via Carceri, fino al 12 Ottobre, con i seguenti orari: dal lun al ven 9.00-13.00. Eventuali richieste per accedere in orari diversi verranno valutate. Per info e prenotazioni tel. 0781-24850 e 0781-274520, fax. 0781-274521, mail: archiviostorico@comune.iglesias.ca.it

Sandra Mereu