“Accarezzavo da un decennio l’idea di mettere in scena Bellas Mariposas” – Intervista all’attrice Monica Demuru di Pier Giorgio Serra

monica 3“Bellas Mariposas” è un racconto lungo, scritto da Sergio Atzeni e pubblicato postumo. Le due protagoniste adolescenti, Luna e Cate (voce narrante), ci portano per mano nel sogno lungo un giorno di una loro giornata particolare che si snoda tra le inquietudini metropolitane vissute in un quartiere della periferia di Cagliari e la loro sfrontata voglia di vivere la vita così come è, senza filtri morali o reverenze dovute alle convenzioni sociali. In questo racconto Atzeni inventa un nuovo modo d’uso della parola scritta, va alla ricerca delle radici linguistiche di una comunità subalterna, attraverso una forzatura destrutturatrice della lingua egemone. Monica Demuru ha dato voce a queste parole nella sua personale reinvenzione del testo atzeniano proposta in occasione della premiazione della quattordicesima edizione del Premio letterario Antonio Gramsci. Il lavoro, per la regia di Annalisa Bianchi e prodotto da Egumteatr, si presenta come musica di parole per amore e per rabbia. Negli spazi della sala conferenze del Comune di Ales è andato in scena sotto forma di Reading, con Monica Demuru a dar vita ad un ideale dialogo tra la vitalità senza tempo delle parole scritte da Atzeni e l’espressività potente e ridondante della voce dell’attrice accompagnata dal contrappunto dei gesti minimi e attenti del suo corpo avvolto da una trama sonora che spaziava da Benjamin Britten ai Velvet Underground, da Giovanni Guaccero ai Clash. Abbiamo rivolto alcune domande all’attrice.

Perchè portare il testo di Sergio Atzeni a Teatro?

L’idea è venuta ad Andrea Nanni come proposta per il cartellone del festival teatrale di Castiglioncello, che in quell’anno, credo il 2012, dirigeva. Fu lui a mettere insieme me e la regista Annalisa Bianco, ignaro del fatto che io accarezzavo da un decennio l’idea di mettere in scena proprio Bellas Mariposas. Evidentemente la natura monologante di questo testo e la sua potenza evocativa e ritmica si impongono quasi spontaneamente. Se pensi che del testo originale sono state tagliate forse quattro pagine, hai la misura dell’intenzione performativa già nel testo all’epoca della pubblicazione. Come tutte le opere d’arte è il dispositivo estetico nel suo complesso a rendere Bellas Mariposas un soggetto scenico interessante. Non si trattava di portare Atzeni in teatro ma finalmente di seguirlo!

Quanta oralità c’è nel testo di Atzeni?

La lingua di Bellas Mariposas è un’invenzione preziosa proprio perché costruita collocando l’italiano regionale e il dialetto all’interno di una forma letteraria molto controllata. La gergalità dei ragazzi cagliaritani dell’epoca scorre in stringhe scritte tra flusso di coscienza, senza punteggiatura, e lunghe pause musicali. Una prosa poetica rovesciata verso il basso che attinge, divertita, alle più gustose espressioni della parlata autentica dei contemporanei di Atzeni, attualissima anche oggi. Ridurla a espressione “vernacolare” e realistica o, viceversa, considerarla solo invenzione letteraria sarebbe riduttivo.

La sua è una lingua meticcia. Che difficoltà comporta portarla a teatro, dalla pagina scritta alla voce viva e presente della scena?

L’efficacia del testo di Atzeni risulta evidente proprio nella sua comprensibilità a tutti i pubblici anche quando il meticcio spinge verso l’estremo. C’è una misura studiata che consente, attraverso il contesto, la comprensione delle parole ed espressioni più oscure, soprattutto ai non sardi, senza che ci si senta estranei o respinti. Più difficile restituire l’innocenza della protagonista anche attraverso l’oscenità delle situazioni che racconta e del relativo linguaggio. Era nostra preoccupazione, inoltre, rispettare la struttura formale misteriosa e poetica del testo – blocchi, pause, espressioni interrotte, allusioni -, senza sottrarre credibilità a Caterina. Piuttosto complicato per la memoria la gran mole di ripetizioni, elenchi e sgrammaticature volute. E’ stata poi necessaria una speciale attenzione a tenere l’equilibrio tra la comicità e la drammaticità del testo, senza sbilanciarlo in una unica direzione.

Molti scrittori sardi sono innamorati del passato, anche Atzeni in alcuni suoi testi. In Bellas Mariposas invece ha scelto il presente o forse, grazie alla sua scrittura visionaria, il futuro, questo o altro ha influenzato la tua scelta del testo?

Da questo testo venni letteralmente folgorata. Si materializzavano davanti a me i tipi umani della mia adolescenza tra Oristano e Cagliari, dei “fantasardi” demenziali e miserabili in cui le donne trascinavano il carico di responsabilità e lavoro e i bambini, già vecchi nella violazione e saggezza, erano piccoli eroi sommamente comici nell’inventare modi per non impazzire. La sola idea di poter finalmente usare in scena il gergo inventivo e sintetico con cui avevo parlato anch’io mi elettrizzava. Mi pareva che la sensibilità di Atzeni avesse intercettato un bisogno a lungo covato in Sardegna: non solo mettere finalmente in scena la “Commedia Umana” delle periferie campidanesi più degradate, ma sfilare la comicità al teatro amatoriale, al cabaret, al bar, alla strada restituendo, in uno specchio deformato e drammatico, l’autenticità di un popolo ben al di la della cronaca.

C’è ancora Sergio Atzeni nei tuoi lavori futuri?

Ho scritto alcune canzoni ispirate ai suoi testi per “Podology”, titolo del nuovo concerto e prossimo cd col pianista Natalio Mangalavite. Il prossimo agosto faremo tre date in Sardegna al Time in Jazz di Paolo Fresu.

Pier Giorgio Serra

 

“Un caffè con contorno di Jazz”

Un caffé con contorno di Jazz

Speciale Tutto Gramsci. Un caffè con contorno di Jazz.

Speciale Tutto Gramsci. Di recente la rivista Il Cagliaritano ha pubblicato un numero monografico (n. 2/2014) interamente dedicato a Gramsci. Uno speciale dall’accattivante titolo “Un caffè con contorno di Jazz”. Allegato alla rivista c’è un cd musicale, Gramsci in concert, che contiene il concerto di Sant’Anna Arresi del 31 agosto del 2008 eseguito nell’ambito della ventitreesima edizione del festival Ai confini tra Sardegna e jazz. Qui le note del trombone di Giancarlo Schiaffini e del contrabasso di Adriano Orrù accompagnano e si alternano con le voci di Giorgio Baratta e Clara Murtas. Le registrazioni sono state realizzate da Paolo Zucca e Pierpaolo Meloni, il mixaggio del suono è di Tommaso Coccia, mentre le foto che accompagnano il disco sono di Luciano Rossetti.

Ma che c’entra Gramsci con il jazz? Non sarà forse che la bulimia gramsciana scoppiata a livello globale negli ultimi anni stia impastando in un unico calderone tutto ciò che pare e piace? No, non è così. Fu proprio Antonio Gramsci in una Lettera alla cognata Tania Schuch, datata 27 febbraio 1928, a coniare l’espressione «un caffè con contorno di jazz». E lo fece in un contesto molto interessante per chi ha cuore i meccanismi che muovono le rivoluzioni culturali e artistiche, quale è stato il jazz per tutto ventesimo secolo e oltre. In questa lettera Gramsci riferisce a Tania il tenore di una piccola discussione carceraria con un tale, un evangelista o un metodista, che aveva una paura matta che i piccoli commercianti extracomunitari (cinesi) facessero un innesto dell’idolatria asiatica nel ceppo del cristianesimo europeo. Per rincuorarlo, Gramsci gli fa notare che il buddismo non è un’idolatria e che la sua influenza sulla civiltà occidentale ha radici molto più profonde di quanto potesse sembrare. La vita di Budda – gli spiega Gramsci – circolò in Europa fin dal medioevo come la vita di un martire cristiano, santificato dalla Chiesa.

Il vero pericolo per l’Europa è il jazz. Gramsci era convinto che il pericolo per la mentalità europea di allora, permeata com’era di ideologia coloniale e imperialista, fosse piuttosto rappresentato dalla musica dei neri. Il jazz – si legge nella lettera indirizzata a Tania – ha conquistato lo strato colto della popolazione europea, creando intorno ad esso un vero fanatismo. Trattandosi di una musica che si sviluppava intorno alla ripetizione continuata dei gesti fisici che i negri fanno attorno ai loro feticci danzando, che cioè si esprimeva nel linguaggio più universale, il jazz era per Gramsci destinato ad avere risultati ideologici. Il povero evangelista – racconta Gramsci – alla fine si convinse che mentre temeva di diventare un asiatico, senza accorgersene stava diventando un negro e che il processo era terribilmente avanzato, almeno fino alla fase di meticcio, tanto da non potere più rinunziare al caffè con contorno di jazz.

Cinquanta pagine fitte fitte. Nella rivista troviamo scritti di Enrico Berlinguer, Giuseppe Podda, Sergio Atzeni, Teresina Gramsci, Giovanni Lai, Claudia Zucca e Giorgio Baratta. Si tratta di scritti già pubblicati in passato dalla stessa rivista, la maggior parte in occasione del quarantesimo anniversario della morte di Antonio Gramsci, nel 1977. Claudia Zucca ha assemblato, curato e abilmente tradotto in inglese tutto il materiale. Il risultato è accattivante. Soprattutto offre un’importante occasione di riflessione sulla politica, quella attuale e quella del secolo appena trascorso. «Il comunismo italiano non era il comunismo sovietico» si legge nell’incipit della prefazione curata dalla stessa Claudia Zucca.

Spiccano alcune perle. Di grande interesse gli articoli della raccolta che testimoniano l’inaugurazione del Piano d’uso collettivo che lo scultore Gio Pomodoro dedicava a Gramsci per il quarantennale della sua morte. Era il primo maggio del 1977, l’inaugurazione avvenne ad Ales qualche giorno dopo la visita di Berlinguer. Parlarono in quell’occasione Maria Fenu, sindaco di Ales, Pietrino Soddu, Presidente della Giunta regionale sarda. Parlò infine Pietro Ingrao, Presidente della camera dei deputati, che più di tutti seppe cogliere l’essenza profonda di quell’opera artistica. Così risuonarono le sue parole: «l’artista non ha detto: ecco la mia opera. Ha capito la storia, i bisogni e le tradizioni di questo paese. E, dentro questo paese con gli scalpellini, i giovani, il Comune e con altri artisti, ha collocato la sua opera, ch’è bella, ma più bello è il processo intellettuale che gli ha dato vita e la farà vivere come lotta, come conquista della coscienza della gente. Queste cose ci sono chiare perché c’è stato Gramsci: questa grande forza creativa che, anche nelle sue lettere tragiche, non chiedeva mai di essere compianto. Quando Gramsci morì sembrava un uomo irrimediabilmente sconfitto. Oggi risultano condannati dai fatti e dalla storia i suoi carcerieri».

La testimonianza di Teresina. Non meno appassionata e ricca di acute osservazioni è la testimonianza di Teresina, l’amata sorella di Gramsci, raccolta da Giuseppe Podda (pagina 22 della rivista). Veniamo a sapere che Nino cantava alla sarda. Aveva una voce nasale, potente. E raccontava tante storie, anche un po’ spinte, di frati e di preti.

Gli articoli di Sergio Atzeni ed Enrico Berlinguer. Nell’articolo intitolato E se tornasse Radames? Sergio Atzeni ci parla dell’importanza della musica per Gramsci all’interno del tema più generale della cultura, degli intellettuali e della conquista dell’egemonia. Per l’intellettuale sardo – ricorda a questo proposito Sergio Atzeni – l’opera lirica è l’unica forma d’arte che ha unito il popolo italiano. Enrico Berlinguer rende invece un tributo al pensiero gramsciano, analizzandolo sotto plurimi aspetti. Con lucida costruttività mette in risalto l’unicità dell’apporto gramsciano al pensiero comunista mondiale.

Le immagini. Le cinquanta pagine della rivista sono correlate da un apparato fotografico di eccellenza, rigorosamente in bianco e nero. Si riconosce un giovane Pinuccio Sciola mentre ascolta attentamente il poeta Antonio Sini che parla con Enrico Berlinguer del Piano d’Uso collettivo.

Il valore della raccolta. Il corpus di scritti raccolti da Claudia Zucca offre un’importante testimonianza della vitalità e produttività del pensiero di Gramsci. Le parole di chiusura della sua prefazione lo riassumono con grande efficacia: «la filosofia gramsciana è per le masse, comprensibile ad esse, possibile da mettere in pratica. Questo emerge in modo lampante dalle celebrazioni per i 40 anni della sua morte e dalla attività popolare che ne è scaturita. Il popolo sardo era in piazza unito da un’idea che lo rendeva protagonista proprio in accordo con la filosofia della praxis».

Pier Giorgio Serra