“Accarezzavo da un decennio l’idea di mettere in scena Bellas Mariposas” – Intervista all’attrice Monica Demuru di Pier Giorgio Serra

monica 3“Bellas Mariposas” è un racconto lungo, scritto da Sergio Atzeni e pubblicato postumo. Le due protagoniste adolescenti, Luna e Cate (voce narrante), ci portano per mano nel sogno lungo un giorno di una loro giornata particolare che si snoda tra le inquietudini metropolitane vissute in un quartiere della periferia di Cagliari e la loro sfrontata voglia di vivere la vita così come è, senza filtri morali o reverenze dovute alle convenzioni sociali. In questo racconto Atzeni inventa un nuovo modo d’uso della parola scritta, va alla ricerca delle radici linguistiche di una comunità subalterna, attraverso una forzatura destrutturatrice della lingua egemone. Monica Demuru ha dato voce a queste parole nella sua personale reinvenzione del testo atzeniano proposta in occasione della premiazione della quattordicesima edizione del Premio letterario Antonio Gramsci. Il lavoro, per la regia di Annalisa Bianchi e prodotto da Egumteatr, si presenta come musica di parole per amore e per rabbia. Negli spazi della sala conferenze del Comune di Ales è andato in scena sotto forma di Reading, con Monica Demuru a dar vita ad un ideale dialogo tra la vitalità senza tempo delle parole scritte da Atzeni e l’espressività potente e ridondante della voce dell’attrice accompagnata dal contrappunto dei gesti minimi e attenti del suo corpo avvolto da una trama sonora che spaziava da Benjamin Britten ai Velvet Underground, da Giovanni Guaccero ai Clash. Abbiamo rivolto alcune domande all’attrice.

Perchè portare il testo di Sergio Atzeni a Teatro?

L’idea è venuta ad Andrea Nanni come proposta per il cartellone del festival teatrale di Castiglioncello, che in quell’anno, credo il 2012, dirigeva. Fu lui a mettere insieme me e la regista Annalisa Bianco, ignaro del fatto che io accarezzavo da un decennio l’idea di mettere in scena proprio Bellas Mariposas. Evidentemente la natura monologante di questo testo e la sua potenza evocativa e ritmica si impongono quasi spontaneamente. Se pensi che del testo originale sono state tagliate forse quattro pagine, hai la misura dell’intenzione performativa già nel testo all’epoca della pubblicazione. Come tutte le opere d’arte è il dispositivo estetico nel suo complesso a rendere Bellas Mariposas un soggetto scenico interessante. Non si trattava di portare Atzeni in teatro ma finalmente di seguirlo!

Quanta oralità c’è nel testo di Atzeni?

La lingua di Bellas Mariposas è un’invenzione preziosa proprio perché costruita collocando l’italiano regionale e il dialetto all’interno di una forma letteraria molto controllata. La gergalità dei ragazzi cagliaritani dell’epoca scorre in stringhe scritte tra flusso di coscienza, senza punteggiatura, e lunghe pause musicali. Una prosa poetica rovesciata verso il basso che attinge, divertita, alle più gustose espressioni della parlata autentica dei contemporanei di Atzeni, attualissima anche oggi. Ridurla a espressione “vernacolare” e realistica o, viceversa, considerarla solo invenzione letteraria sarebbe riduttivo.

La sua è una lingua meticcia. Che difficoltà comporta portarla a teatro, dalla pagina scritta alla voce viva e presente della scena?

L’efficacia del testo di Atzeni risulta evidente proprio nella sua comprensibilità a tutti i pubblici anche quando il meticcio spinge verso l’estremo. C’è una misura studiata che consente, attraverso il contesto, la comprensione delle parole ed espressioni più oscure, soprattutto ai non sardi, senza che ci si senta estranei o respinti. Più difficile restituire l’innocenza della protagonista anche attraverso l’oscenità delle situazioni che racconta e del relativo linguaggio. Era nostra preoccupazione, inoltre, rispettare la struttura formale misteriosa e poetica del testo – blocchi, pause, espressioni interrotte, allusioni -, senza sottrarre credibilità a Caterina. Piuttosto complicato per la memoria la gran mole di ripetizioni, elenchi e sgrammaticature volute. E’ stata poi necessaria una speciale attenzione a tenere l’equilibrio tra la comicità e la drammaticità del testo, senza sbilanciarlo in una unica direzione.

Molti scrittori sardi sono innamorati del passato, anche Atzeni in alcuni suoi testi. In Bellas Mariposas invece ha scelto il presente o forse, grazie alla sua scrittura visionaria, il futuro, questo o altro ha influenzato la tua scelta del testo?

Da questo testo venni letteralmente folgorata. Si materializzavano davanti a me i tipi umani della mia adolescenza tra Oristano e Cagliari, dei “fantasardi” demenziali e miserabili in cui le donne trascinavano il carico di responsabilità e lavoro e i bambini, già vecchi nella violazione e saggezza, erano piccoli eroi sommamente comici nell’inventare modi per non impazzire. La sola idea di poter finalmente usare in scena il gergo inventivo e sintetico con cui avevo parlato anch’io mi elettrizzava. Mi pareva che la sensibilità di Atzeni avesse intercettato un bisogno a lungo covato in Sardegna: non solo mettere finalmente in scena la “Commedia Umana” delle periferie campidanesi più degradate, ma sfilare la comicità al teatro amatoriale, al cabaret, al bar, alla strada restituendo, in uno specchio deformato e drammatico, l’autenticità di un popolo ben al di la della cronaca.

C’è ancora Sergio Atzeni nei tuoi lavori futuri?

Ho scritto alcune canzoni ispirate ai suoi testi per “Podology”, titolo del nuovo concerto e prossimo cd col pianista Natalio Mangalavite. Il prossimo agosto faremo tre date in Sardegna al Time in Jazz di Paolo Fresu.

Pier Giorgio Serra

 

Annunci

“Natale insieme a Sestu 2014”, l’ultimo di una serie

Natale insieme_Sestu 2014Anche quest’anno si svolgerà la tradizionale rassegna “Natale insieme a Sestu”. Ma l’edizione 2014 sarà l’ultima di una lunga serie perchè al Comune è recentemente venuto a mancare uno degli elementi fondamentali per poter realizzare gli spettacoli: lo spazio.

Negli anni passati questa e altre manifestazioni si sono svolte nei locali di proprietà della famiglia Faccin. Da quest’anno però, per effetto delle politiche di restrizione della spesa pubblica degli ultimi governi nazionali – dalla spending review di montiana memoria alla finanziaria del 2014 – il comune di Sestu non si può più permettere di rinnovare il contratto d’affitto. Questa almeno è l’interpretazione che gli uffici danno della norma. I locali del patrimonio comunale dove si svolgono attività culturali o ricreative non sono adatti ad accogliere spettacoli destinati a un pubblico numeroso ma neppure questo è sembrato un valido motivo per richiedere all’Agenzia del Demanio il nulla osta necessario per poter continuare a disporre dei locali Faccin. Dunque si chiude.

Alla luce di questo epilogo la scelta di non acquistare l’immobile in tempi in cui ancora il Comune poteva farlo è stata letta da alcuni come un errore o quanto meno un’occasione mancata. I complottisti e gli avversari dell’amministrazione su questa scelta hanno fatto circolare le ipotesi più suggestive. Se però vogliamo stare ai fatti, dobbiamo considerare il contesto in cui tale scelta è maturata. Nel corso della prima amministrazione Pili (2005-2010), la prospettiva di poter dotare il Comune di un nuovo vero teatro era vista come concreta e per questo si scelse di concentrare tutti gli sforzi in direzione di questo obiettivo. Per quanto l’ottimismo fosse tanto non si poteva infatti pensare di realizzare entrambe le opzioni, cioè costruire il nuovo teatro e acquistare per le stesse finalità i locali Faccin. Tanto più che all’epoca l’offerta per l’acquisto dello stabile ammontava a circa 850 mila euro, una cifra ragguardevole a cui si sarebbero dovuti aggiungere i costi per adeguarlo e renderlo agibile per il pubblico spettacolo così come previsto dalla normativa.

I mancati introiti su cui il Comune contava per la realizzazione del Teatro (gli oneri legati al Mercato agroalimentare), a cui si sono poi aggiunti i vincoli del patto di stabilità, che impediscono gli investimenti, e le successive restrizioni finanziarie imposte dalla crisi hanno alla fine vanificato sia la prima che la seconda opzione. Tuttavia, grazie ad un accordo con i proprietari del locale Faccin, il comune ha garantito alla cittadinanza la possibilità di godere di momenti di aggregazione e svago, all’insegna della musica e di altre attività culturali. Negli anni il locale è stato adeguato e reso il più possibile funzionale alle esigenze del pubblico spettacolo.

Col senno di poi oggi possiamo forse dire che non acquistare i locali Faccin sia stato un errore. Ma, per come la vedo io, è certo che costruire un teatro a Sestu, un comune alle porte di Cagliari, sarebbe stato un errore ben più grave. Se anche si fosse riusciti ad ultimarlo, oggi avremo certamente il problema di mantenerlo, gestirlo e riempirlo di contenuti e attività. Non meno di quanto accade in altri comuni della provincia che hanno osato più di Sestu e nella stessa città vicina. Grazie a quelli che pensano che con la Cultura non si mangia, lo Stato italiano destina alla Cultura meno dell’1% del suo bilancio, la Regione Sardegna ha praticamente dimezzato i contributi per Spettacolo e Cultura e, per di più, la recente normativa ha inquadrato i servizi culturali degli enti locali tra le spese non obbligatorie.

La Cultura ha un costo perché dietro c’è studio e c’è lavoro. Contrariamente a quanto pensava un ex consigliere comunale, essa non può essere considerata alla stregua di un’attività volontaristica per realizzare la quale basta solo un po’ di fantasia. Investire in Cultura è una scelta strategica fondamentale per il progresso del paese. Un fatto questo che la collettività, prima ancora che gli amministratori, dovrebbe riconoscere. Mi capita infatti spesso di leggere che un teatro a Sestu sarebbe necessario in considerazione dell’esistenza in loco di diverse compagnie teatrali dialettali. Ma un teatro che viene a costare diversi milioni di euro non può essere lasciato all’iniziativa di volontari e dilettanti. Se questa è la prospettiva, ben più produttivo dal punto di vista culturale, e assai meno costoso, sarebbe fare una convenzione con i teatri di Cagliari per portarci i ragazzi delle scuole.

I prossimi anni non saranno meno incerti di quelli appena trascorsi. Vedremo se i futuri amministratori saranno capaci di superare le difficoltà e trovare soluzioni sostenibili e culturalmente valide. Nel frattempo chi ha voglia può ancora una volta godersi il gospel e gli altri spettacoli natalizi nei locali Faccin (clicca sul link per leggere il programma completo: NATALE INSIEME 2014).

Sandra Mereu